Passa ai contenuti principali

Post

Aprile

Strizzo gli occhi al tono leggero di un mattino luminoso e la voce lucente si affaccia dalla finestra chiusa. Piccoli spiragli lasciano oltrepassare il tocco sapiente e gaio di questo aprile capriccioso, con calma assaporo il tutto e intanto le pupille gustano l'attimo in contemporanea con l'abbraccio alla vita. Mi alzo e prendo  il non vecchio candore di una primavera giovane, acerba, in un circolo che tiene per mano, odori, profumi, colori e luce intanto che ogni cosa si posiziona nel perenne già vissuto e ancora da vivere. Buongiorno aprile!


Post recenti

Emozioni

Imparo a scrivere le parole mentre guardo da questo angolo di mondo, in un momento ricco di pagine calde, circondata da sensazioni e non da neve sciolta, non da tempesta. Non nascondo ai silenzi i pensieri, forbiti e ingenui e agli occhi, non ciechi di conoscenza, mi svelo. Eternamente attimo fuggito, eternamente istante fulminante mi entri nel cuore come fulmine a incendiare secchi arbusti, mi entri dentro come nutrimento nutrendomi a sazietà. Eternamente mai più mio al tatto degli occhi ma triturato dall'amore in questa emozione eterea!

Rita Vieni




Benvenuta Primavera

L'essenza della vita così confortante e nitida, invita come una perfetta mise-en-place su di una tavola verde ossigenata nell'imperfezione di tempi imperfetti, definiti e infiniti: vivo nel vivere la vita! Benvenuta primavera ;)
Rita Vieni





Amicizia

Una nuvola pigra e leggera si avvia lentamente verso limiti direzionati dal leggero venticello primaverile. L’aria tersa, il mare infinito, il cielo sereno, rappresentano uno scenario che appaga e fa sospirare dentro la sfera che ossigena i pensieri vagabondi. Due viandanti eseguono di rito i soliti passi calmi in un ordinato tragitto che ogni tanto è oggetto di meraviglia e sicurezza. Le loro menti comunicano al pari delle voci, i suoni si incontrano lieti e meravigliati nello scorrere ordinato del tempo nel tempo che esse si concedono ogni giorno alla medesima ora. I cuori corrono verso le emozioni suscitate dalla cristallina mattina, le onomatopee si avvicendano tra loro, ora in fru fru sbarazzini, ora in voli senza paure, ora ai rintocchi scanditi che attraversano paesi e approdano ad orecchie vispe e attente. Tutto, tutto conduce ad una trama che scalpita, ha voglia di scoprirsi e scoprire, ha la mano tesa e il piede in fondo alla strada dal terreno macchiato da ruote che corrono vers…

Vivo l'attimo

La mia giornata, al pari di un cielo limpido e chiaro, si inoltra con un sorriso in un viso volto verso l'infinito definito, una fresca aria pura colorata da cinguettii e voli pittura spazi illimitati, così mi affaccio arraffando il verde intonso di aliti profumati e cime ferme, non vento a smuovere fronde secche ma protesi ad incontrare la primavera che presto prenderà sopravvento. Nella certezza del passato incontro il presente, intrufolo parole e gesta, attribuisco eufemismi per alleggerire pesi e carichi. Il respiro si espande, allarga, fonde, compatta, solidifica ai passi svelti e non lenti, qui in questo spazio misurato e affettuoso, in assonanze apostrofate, in morfemi brevi e diretti, in monologhi dolci amari ove ritrovo la pace e semplifico l'animo. I cinguetti aumentano, musiche gioiose e brevi occupano l'azzurro spolverato da piccole nubi sperdute in un ordine disordinato e senza copione. Lo sguardo guardingo si muove, mosso dalle circostanze, cerca di afferrar…

Auguri figlia mia

Marzo in uno dei suoi giorni luminosi e freddi, pian piano si avvia verso l'oscurità cristallina, verso il silenzio dalle braccia spalancate ad abbracciare le ultime ore di un dì breve e non lungo, non immusonito e non pigro, caldo nel tepore di un cuore generoso e non ingordo, agrodolce nella postura di immutati silenzi ora preziosi. Nel buio e non sotto la luce vivida, pensieri si riuniscono ammassandosi sotto la sfera luminosa e tremolante di un tetto bagnato dall'umidità collinare. Nella stanza si illumina la voce e gli occhi si spalancano mentre assaporano le consapevolezze di una vita, toccando le vecchie consuetudini mentre nuovi attimi sostituiscono sospiri già inebriati dal passato. I gesti profumano di gioia, la postura anticipa il movimento e gli arti, agili e scattanti, sottili e eleganti, aspettano i passi che non sosteranno ma si avventureranno in cerca della semplicità e della genuinità. Biondi capelli, fili d'oro ora acconciati in libertà ad accarezzare le…

Il buio dentro la luce

Osservo in questo, il colore luminoso e il soffio di vita che si sprigionano nel quotidiano di ognuno. Ognuno con la sua ombra, chiaroscuro d'essenza, con la gabbia e con il desiderio di grandi ali pennute magnifiche, con arti ad artigliare il mondo per spiccare un volo incontrastato. Che sia un lungo incipit, un intreccio carismatico, un flusso coscienzioso, una abbinamento con il monocromatico, una coesistenza con anacenosi in duetto con l'epifonema. L'epilogo, un lungo idillio nel breve corso naturale!

La mia vita addossata sulle spalle preme fuori da sé per scoprirsi gli occhi inebriati dai colori vivi e smorti. Accarezza le ombre, parla agli echi ma si solidifica quando scorge il se che raffredda il tono ballerino che arresta la corsa a perdifiato. Infine il buio dopo aver bevuto la luce!


Rita Vieni