Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da novembre 23, 2014

NOVEMBRE, UN POMERIGGIO

Pomeriggio di novembre, pigro e sonnolento.
Il cielo è coperto da aliti, pochi di vento in fiato stanco, assorbo il lento trascorrere dei minuti, in questa pausa gradevole,  allungo le braccia avvolgo i pensieri e mi allontano verso le voci attutite che giungono alle mie orecchie curiose.

Respiri vitali tra pagine candide, luce alle vittorie, buio al dolore, percorro e foro l’indifferenza: accompagnami, oh malinconia, per la via di sassi e fiori, d’odori dolci amari, di voci brevi e ripetute. Ecco, l’eco ritorna sul balcone spoglio: aprirò al vento desolato in un giorno senza sole che inondi di rai le pareti colorate!
Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.

Foto web

UN GIORNO, UNO DEI TANTI

Che cos'è un giorno, tra i tanti dell'esistenza: E' quello che ti ha dato una gioia immensa, ringrazi ogni giorno per esserci, o è uno di quelli che ti ha segnata per sempre, maledici quel funesto dì? E' solo un giorno da ricordare, uno dei tanti!

Rita Vieni
Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.  

Foto web

SENZA

Ascolto voci, prosopopea inanimata, ascolto motivi alati, onomatopee, ascolto l’oblio che sente senza  steccare, il silenzio è una stanza trasparente e profonda. Ascolto il percorso di un cielo azzurro, senza anima. Senza sole, senza luna, con la nebbia che preclude l’orizzonte: nessuna speranza al viandante fermo al turno imposto dal tempo. Intanto il cielo trova il percorso, indossa l’anima, precedentemente stesa ad asciugare, intrisa del temporale, troppe le colpe da additare, tutto ripercorre e prende il posto usuale: odori, suoni, sapori, atmosfere. Il mio muro, con in cima aguzzi vetri, sfonda l’incomprensibile: compreso dal cieco che legge attraverso, dal muto che parla al sordo in ascolto in vista di un poi di luce. Nel tutto che è posto davanti a tutti, è obbligo, per l’armonia e la serenità, porsi in mano alla vita, vera e non illusoria, alla tristezza coperta d’acqua, al fango presto lavato via, al sorriso ed a un nuovo inizio in speranza.
Rita Vieni
Opera pubblicata ai se…