giovedì 13 febbraio 2014

LA CICALA E LA FURMICULA (La cicala e la formica con traduzione)

C’era ‘na vota, ‘na cicala, bidditta ,sapurita e cantirina e ‘na furmicula, nicuzza e laburiusa.
‘Nu jornu di ’nvernu,’nta ‘na jurnata di bontempu, la furmicula nisceva fora di ‘nu bucu scavatu ‘nto tirrenu, ‘nu pocu di graniceddi, pi li fari asciucari o’ suli ,datu chi aveva chiuvutu assai.
“ Mi duni ‘nu pocu di graniceddi chi àiu fami”?, ci dissi , cu ‘na vucitta duci, la cicala a la furmicula.
“No”, ci rispunnivu, “Chisti sunnu ‘i frutti di li me fatichi”.
“Mentri iò travagghiava e sudava, tu chi facevi”?.
“Cantava, sutta ‘nu celu azzurru e lu suli forti di l’estati”.
“Bonu facisti, ora chi sini cu la panza vacanti, balla sutta ‘stu celu di ‘nvernu”.

Non bisogna essere scansafatiche e nullafacenti. Il lavoro e le fatiche compensano.


Rita Vieni


Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.


TRADUZIONE 

LA CICALA E LA FORMICA

C'era una volta, una cicala, carina e canterina e una formica, piccola e laboriosa.
In una giornata luminosa d'inverno, la formica esponeva al sole, per farli asciugare, il bottino messo da parte durante l'estate, in previsione del duro e lungo inverno.
"Puoi donarmi parte del tuo cibo, che ho fame"?, disse la cicala alla formica, con voce dolce.
" No", la risposta secca della formica. "Io ho lavorato duramente, mentre faticavo, tu che facevi"?.
" Cantavo, nelle luminose e soleggiate giornate d'estate".
"Hai fatto bene, ora che hai fame, per la tua incuria,balla in questa giornata d'inverno"



Da una favola di Fedro




LA VURPI E LU CORVU (LA VOLPE E IL CORVO) (traduzione in italiano)

C’era ‘na vota, ‘nu corvu, vulava filici e cuntentu, sutta ‘nu celu senza negghi, visti ‘nu  pezzu di furmaggiu giallu, pusato ‘nto ‘nu piatto supra ‘na finestra.
“ Ora lu pigghiu e lu manciu”,si  dissi cuntentu.
Vulò e cu lu beccu lu 'cchiappò e si pusò supra ‘nu ramu di 'n’ arbiru.
Cu’ stava passannu, ‘ntanto chi si svulgeva lu fattu, ‘nta la strata e sutta a l’arbiru?
‘Na vurpi, chi vidennu lu furmaggiu e sintennusi lu stomicu vacanti,pinsò : “ Aiu fami, nun pozzu ‘cchianari supra o’ ramu picchì lu corvu scappa vulannu, iò sugnu ‘n terra e nun volu comu a iddu, chi pozzu fari”?
“ Lu pigghiu pi fissa e lu rimbambinisciu di chiacchiri, tantu cridi sicuramenti a tuttu chiddu chi ci dicu”!
-“ Corvu, chi beddi pinni niuri chi teni, fammi sentiri la to vuci, si pussedi puru la vuci comi lu culuri di lu piumaggiu, sini di sicuru lu re di l’aceddi”!
Lu corvu, nun capennu chi la vurpi lu pigghiava pi fissa , apriu lu beccu e lu furmaggiu cadivu, drittu drittu ,’nta vucca di la vurpi, chi o’ volu lu ‘cchiappò, si lu manciò e cu la panza china lu salutò.

Diffidare dalle lusinghe.

Rita Vieni

 Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.

TRADUZIONE 

C’era una volta, un corvo che in un giorno sereno, volando , vide un buon pezzo di formaggio, esposto allo sguardo famelico ,in quel caso del corvo.
Esclamò, felice: “ Adesso , lo rubo”!.
Volò, rubò e su di un alberò si posò.
Intanto che la vicenda aveva luogo, una volpe, la solita,affamata e ingorda, accortasi e fatti immediatamente i piani, esclamò, all’indirizzo del corvo, il quale stava fuori della sua portata,( facendo leva sulla credulità e stupidità del corvo),: “ Corvo sei bellissimo, il tuo piumaggio è di un nero lucido, se la tua voce è pari al colore, sarai certamente il re degli uccelli”!
Lo stupido credulone, con il formaggio in bocca, sopra il ramo, aprì la bocca e il formaggio cadde direttamente in bocca alla volpe, la quale, al volo l’acchiappò, mangiò e sazia se ne andò.

Da una favola di Fedro

Rita Vieni


Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.





Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...