sabato 1 febbraio 2014

UN GIORNO D'INVERNO

La giornata si presenta cupa, il paesaggio preda della pioggia ,che  trema al ricevere tanto liquido incolore.
Il cielo coperto da nubi,  che si inseguono arrabbiate, appare minaccioso, urlano, sferzate dal vento, derise
dal sole che fugge e non torna, che trema al rimbombo dei tuoni, scaturiti da lampi abbaglianti.
Lo scontro è in atto, le forze lottano in una accozzaglia di lamenti e  grida.
 La pioggia, continua nel suo incessante cadere, inonda, allaga, spazza, trascina detriti, intasa grondaie, mentre ombrelli inesistenti, son strappati dalle mani dei passanti.
E mentre il balenio dei lampi, nella lotta crudele, in un cielo rivestito da neri colori, accecato dagli scontri, si arrende, ecco che nel giungere di un attimo, tutto si placa.
 Forse la quiete, forse la pace, o la nuova strategia studiata, per il nuovo e violento imperversare del tempo.
Ecco un giorno d’inverno.


BUONGIORNO AMICI

Rita Vieni

 Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.



'A NATURA A MIRTU (con traduzione in italiano)




LA NATURA A MIRTU

La natura si 'ddiverti, si trova ‘nto so, quannu àvi modu mi si sfoga.
Mostra culura 'n posa, comu  ‘nte quadri pittati di li pittura chi gilusi di tali miravigghi, nun putennuli acchiappari e teniri pi sempri davanti a l' occhi, ci fannu fotografii chi pennelli.
Lu celu è ‘nu spittaculu, quannu stenni tutta ‘na cutra niura cu li stiddi arraccamati, ‘nta notti china di ciauru.
Lu mari, un vistituzzu di villutu blu, chi 'rrobba lu culuri o’ celu di nu jornu sirinu.
Chi diri di lu ventu, chi mafiusu sferra ‘a so forza pi lu munnu, ciatannuci ‘nfacci o’ suli, chi c’ ‘a so vampa, abbrucia la terra e ni faci purvulazzu.
Duna lu megghiu di sé, puri ‘nte jurnati di ‘sta staciuni, d’ ‘a me Sicilia, ‘nto paiseddu di cullina, Mirtu, ‘nu ‘rappiceddu di casittti 'rricugghiuti, unni l’aria è pulita, lu prugressu si firmò, l’anticu àvi lu sapuri di sanu.
Di lu so postu di vardia, lu paisi pari chi voli 'cchiappari lu celu e chistu o pi pietà o troppu amuri, pari chi ci jietta li vrazza, manna vasci li negghi, ci offrunu ‘nu giru turisticu a li abitanti, comu supra ‘nu tappitu vulanti.
Casi oramai mucchi di petra sduruppati, lassati a la manu di lu tempu, abbrazzati di l’edira chi pari li voli risparmiari di lu friddu, lu virdi di l’erba è vivu, ciauria e canta o’ sonu d’ ‘u ventu.
Cca a Mirtu, ‘nta negghia chi spissu faci cumpagnia, ‘nta ‘n’ umidità chi trasi ‘nta l’ ossa, sutta scrusci d’acqua viulenti e non, ‘nta dda picca di nivi chi si 'affaccia ogni tantu pi ni salutari, la natura si pripara a ripusari, ‘nsemi e facciati vecchi d’ ‘i casi, sutta a l’arburi chi sbadigghiunu e cummogghiunu la terra, cu li fogghi comu cuperti, finu a la prossima staciuni; ma ora, silenziu…
‘A solitudini e ‘a paci chi rispiranu a Mirtu, mi fannu alluntanari ‘n punta di pedi, pi non disturbari!

Rita Vieni

LA NATURA A MIRTO

La natura si esprime con la poesia dei suoi colori, con lo spettacolo delle stelle nel nero cielo notturno, con il velluto blu del mare, con la forza del vento, con l’energia del sole, con il respiro degli alberi.
Anche con la pioggia, con la forza scatenante degli elementi distruttivi, con una giornata sgombra da nuvole, in un giorno di questa attuale stagione della mia bella Sicilia, in un piccolissimo paesino collinare,
dove i profumi vengono amplificati, dove il cielo sembra voglia scendere, per offrirci un volo sulle nuvole, alla scoperta dei luoghi cari, vecchi ruderi, abbracciati dall’edera, eterna compagna, qui il verde è più verde e profuma di puro.
La natura si esprime, a Mirto, attraverso i visi delle case, il portamento degli alberi, la solitudine e pace di alcuni luoghi.
A Mirto la natura domina, malgrado la pioggia, il vento, la pochissima neve, mantiene l’aspetto d’un vecchio articolo, sempre alla moda.

Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.





Foto: ‘A NATURA A MIRTU

La natura faci i catazombula, si trova ‘nto so, quannu àvi  modu di sfugarisi.
Mostra culura chi fannu bedda mostra ‘nte quadri di li pittura ,chi gilusi di tali miravigghi, nun putennuli acciappari e teniri pi sempri , ci fannu fotografii chi pennelli.
Lu celu è ‘nu spittaculu, quannu stenni tutta ‘na cutra niura cu li stiddi arraccamati, ‘nta notti china di ciauru.
Lu mari, un vistituzzu di villutu blu, ch’arrobba lu culuri o’ celu di nu jornu serenu.
Chi diri di lu ventu, chi mafiusu sferra ‘a so forza pi lu munnu, ciatannuci ‘nfacci o’ suli, chi c’ ‘a so vampa, abbrucia la terra, rinnennula purvulazzu.
Duna lu megghiu di sé, puri ‘nte jurnati  di ‘sta staciuni, d’ ‘a me Sicilia, ‘nto paiseddu di cullina, Mirtu, ‘nu ‘rappiceddu di casittti arricugghiuti, unni l’aria è pulita, lu progressu si firmò, l’anticu àvi lu sapuri di sanu.
Du so postu di vardia, lu paisi pari chi voli acchiappari lu celu, chi pi pietà o troppu amuri, pari chi ci tenni li vrazza, manna vasci li negghi, ci offrunu ‘nu giru turisticu a li abitanti, comu supra ‘nu tappitu vulanti.
Casi oramai mucchi di petra sduruppati, lassati a la manu di lu tempu, abbrazzati di l’edira chi pari li voli risparmiari di lu friddu, lu virdi di l’erba è vivu, ciauria e canta o’ sonu d’ ‘u ventu.
Cca a Mirtu, ‘nta negghia  chi spissu faci cumpagnia, ‘nta ‘n’ umidità chi trasi ‘nta l’ ossa, sutta scrusci d’acqua viulenti e non, ‘nta dda picca di nivi chi s’affaccia ogni tantu pi ni salutari, la natura si pripara a ripusari, ‘nsemi e facciati vecchi d’ ‘i casi, sutta a l’arburi chi sbadigghiunu e cummogghiunu la terra ,chi fogghi  comu cuperti, finu a la prossima staciuni; ma ora, silenziu… 
‘A solitudini e ‘a paci chi rispiranu a Mirtu, mi fannu alluntanari ‘n punta di pedi, pi non disturbari!

Rita Vieni
 
LA NATURA  A  MIRTO

La natura  si esprime con la poesia dei suoi colori, con lo spettacolo delle stelle nel nero cielo notturno, con  il velluto blu del mare, con la forza del vento, con l’energia del sole, con il respiro degli alberi.
 Anche con la pioggia, con la forza scatenante degli elementi  distruttivi, con una giornata sgombra da nuvole, , in un giorno di questa attuale stagione della mia bella Sicilia, in un piccolissimo paesino collinare,
dove i profumi vengono amplificati, dove il cielo sembra  voglia scendere, per offrirci un volo sulle nuvole, alla scoperta dei luoghi cari, vecchi ruderi, abbracciati dall’edera, eterna compagna dove il verde è più verde  e profuma di puro.
La natura si esprime, qui a Mirto, attraverso i visi delle case, il portamento degli alberi, la solitudine e pace di alcuni luoghi.
Qui a Mirto la natura domina, malgrado la pioggia, il vento, la pochissima neve, mantiene l’aspetto d’un vecchio articolo, sempre alla moda.

Rita Vieni 

 Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.


LA FELICITA'

 La felicità...
 E' un battito d'ali fugace...
E' una intensa emozione che sale lungo pareti d'interna dimora...
E' breve o lunga la durata, profondo l'effetto.
A volte la voglia di non lasciarla fuggire , di catturarla, chiuderla in una teca di vetro per lasciarsi adorare, ma vana l'idea e la speranza.
Ci spoglia e fugge, lasciandoci orfani e nel rimpianto di trascorsi che ci hanno amati!

Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.

LA LUCE DEL MATTINO

Apro gli occhi alla luce del mattino.  
 Tra le ciglia socchiuse  non intravedo i raggi del sole cozzare con le pareti, ma ombre silenziose e fredde.
Il mio buongiorno non ha il sapore gentile dell’estate, ma conserva l’ospitalità di un mattino di un  inverno appena agli inizi, timido nel suo avanzare.
In attesa del freddo gelido ,spalanco le imposte agli ultimi scampoli di sole che si apprestano  a inondare la casa, anche se tiepido surrogato.
Un quadro di naturale beltà mi si pone innanzi, la stradina in discesa solitaria, poche pietre e poche foglie vi dimorano.
Sorrido nel fresco mattino, alzo al cielo il viso e rivolgo l’attenzione al solito quotidiano.
Buongiorno , mi preparo per la giornata.

Rita Vieni


Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.


LA NATURA

La bellezza degli attimi fugaci di dì, che pur diversi sembrano uguali, si ripresentano all’occhio di chi guarda e ne vede la dolcezza, la purezza.
Attimi rubati e incatenati,  in foto istantanee, con colori unici ,macchie sparse su superficie , che mai si ripresenteranno nello stesso modo.
Amo questi momenti , questi scorci di paesi, tipicamente caratteristici e non anonimi, distribuiti in percorsi, calpestati giornalmente, offerti allo sguardo di chi ama la natura e vuole preservarla.
Nulla contro la sua forza, solo il giudizio umano, il rispetto per chi respira, anche se verde è il polmone del mondo, l’intensità di sopportazione non è infinita, tutto ha dei limiti.
Forse i nostri stanno già ai limiti.
Giungendo lungo la strada sul limitare della terra il profumo della natura sembra stordire, il suo richiamo affettuoso, il mio saluto di commiato lieto.


Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.



Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...