sabato 8 febbraio 2014

BUONGIORNO ALLA VITA

Una fredda e livida luce, illumina la stanza, rompe il buio di una notte senza stelle.
Il mattino bussa alla porta del vissuto in un giorno di pioggia e aria grigia.
L’aria è satura di umidi respiri della vite che scorrono come sempre in giorni  anonimi di un mese del l’ordinario di un inverno lungo e freddo.
Lentamente il suolo si ricopre di liquido incolore, la pioggia scende mesta e chiara.
Lo svolgersi nel dipanarsi del gomitolo di eventi è in atto, le sorprese all’angolo, i problemi in allerta.
Affrontiamo come sempre l’ordinario quotidiano che entra e agisce nella vita di ognuno.

Rita Vieni


Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.


Sono ancora qui

Dita sottili, trasparenti, sollecitano un respiro affrettato, una luce luminosa di un dolce luglio invade il mio olfatto, una calda intimi...