mercoledì 9 luglio 2014

BUONANOTTE

Distesa in mezzo  a questa scura notte, tra le spire del buio mi avvolgo e in esse mi perdo e nella contemplazione del cielo, vago alla ricerca del mio spirito, osservo  come nel giorno, il volo di libertà degli uccelli, mentre mi inebrio nel dolce profumo di rose  e stordisco tristi pensieri...
Ma il sogno si desta, s’accorge che le mura hanno sbarre che l’aria ha il sapore di una stanza dallo spazio immobile.
Sì adesso m’involo nella libertà del sonno, BUONANOTTE, viaggiatori del tempo.


Rita Vieni




CU’ SUGNU

Sugnu forsi cu’ furriannu cerca se stissa, o forsi cu’ ‘nqueta   cerca postu o’ munnu? Iò nun sacciu cu’ sugnu e chi vogghiu, ...