martedì 4 novembre 2014

ADESSO ME

Condivido la pace di quest’aria che ha lasciato la sua estate.
 Agisco in azione nell’attesa di ciò che ignoro: se, i tanti se, dietro l’uscio, sul cuscino, al pasto, ai momenti di timore.
Temo la sconfitta!
Mi nascondo dietro false apparenze, mi nascondo al momento inventando un movimento, cercando lo scopo da apporre alla causa: io e il destino, un amore ed un cammino tra rumori, sorrisi, silenzi, veleni, ipocrisie, mormorii.
Dipingo la vita a modo mio!
Dipingo una vita che sfugge dai limiti e cerca la sua voce imponendo il comando.
Su questa collina consumo i miei giorni!

Rita Vieni

 Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.








NOVEMBRI

‘Nta ‘sta matinata d’ autunnu chi sapi di duci, di luci, biata ‘nte culura di la natura, mi sentu ‘n paci.
Novembri si prisenta affruntusu e calmu, cu culura pittati di ‘nu gran maistru.
I fogghi, gialli, russi, marroni, jittati e pedi d’ ‘u so patruni, arburu chi voli canciari vistitu: -” Mi vogghiu spugghiari, canciari p’ ‘a nova staciuni”!
Mentri caminu taliu cu pena tutti li fogghi sparpagghiati o ammassati ‘n terra: lu ventu e l’ acqua, senza pietà, li marturianu e iò, ci passu puru di supra quannu pi la via taliu lu cielu cummigghiatu di negghi!
Chi tristizza! Chi natura spietata ma giusta!
Nun pozzu fari a menu di pinzari a comu semu, a la nostra condizioni d’omini, giuvini, forti, puntigghiusi, bravi persuni,  ni manciamu lu munnu e poi…
Vecchi, ni ritruvamu vecchi, chini di acciacchi e di dulura, cu pochi muvimenti e tanti lamenti, certi voti pirdemu puru lu beni di la menti, turnamu figghitti o dementi.
Oh chi pena! Oh chi straziu!
Mittuti di latu, maltrattati o suli, abbannunati: arburi senza fogghi e pedi d’un fossu!
Ma la natura è ‘ranni, lu misteru cuntinua, la vita si riprisenta, tuttu ricumincia: di la fini l’iniziu!
‘Nta ‘stu caminu obblicatoriu, ‘nta ‘stu tempu nostru alliatu chi avemu a agiri, pinzari, costruiri!
Lassari o’ futuru lu fruttu di lu travagghiu.
E comu l’ arburu metti novi fogghi ‘nta la primavera di la vita, niautri damu nova vita: i figghi!
Rapprisintamu  ‘nta stu munnu chi gira, li fogghi vecchi chi cadunu, da un arburu chi stancu e a la fini d’ ‘u so travagghiu, nun àvi chiù la forza di tinirli, di darci linfa.
I figghi, sunnu li fogghi novi, i germuggheddi chi spuntunu puru unni lu tirrenu è duru, iddi ànnu la forza chi l’accumpagna.
‘Nta ‘stu jornu taliu lu celu chi so negghi, ci tenunu cumpagnia, mentri lu ventu, cu picca ciatu talia ridennu li cimi di l’arburi; lu ciauru di li ciuri e di la natura mi trasi ‘nta peddi, camina ‘ccarizzannumi, i me’ sintimenti godunu mentri l’occhi si culurunu pi li tanti biddizzi, pi la paci, pi la tregua chi mi strinci ‘nte brazza.
Mumenti, minuti, uri di ‘na jiurnata di nuvembri chi si prisentunu  ‘nta me vita ma sempri canciannusi vuci.
E’ tuttu transitoriu, basta ‘na svista e iddi…Mi scappunu!

Rita Vieni
 Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.


NOVEMBRE

Fuori l’aria ha il sapore del miele, dolce tepore di un giorno nell’ordinario scorrere del tempo, di questo novembre dai colori caratteristici della terra.
Il giallo, il rossiccio, il marrone bruciato, come su di una tavolozza d’artista, rallegrano i piedi di grandi e maestosi alberi, nudi del fogliame, desiderano cambiare look, vecchio ormai!
Il rumore prodotto dallo sfregamento delle scarpe al suolo, è come un accartocciare di voluminosi fogli di giornali, pagine nuove rigide.
Quasi con pena osservo i frammenti di queste splendide foglie, ormai ammassi , cumuli, preda del vento e della pioggia.
Tutto ciò mi fa pensare a chi eravamo , splendenti, incontrastati padroni nell’essere, menti e corpi ben oleati, macchine perfette, consapevoli dei limiti e desiderosi di raggiungere mete più ambite, chi saremo, quando ormai, il tempo biologico ci ricorderà limiti, le condizioni fisiche in declino, l’usura sarà in ogni parte del corpo, temo quella mentale, forse non più autonomi, costretti a soggiacere alla forza della natura, come foglie dell’albero , in balia del corso eterno della vita, a terra, a volte calpestati, a volte in disparte, in cumuli risparmiati, soli.
Il ciclo continua, la natura si rigenera, dall’autunno, attraverso l’inverno si giungerà alla rinascita, a nuove vite, noi, ci troviamo sballottati in questo percorso, ed è in questo lungo tracciato che l’agire dev’essere razionale che i semi nella primavera di vita, dovranno germogliare e dare frutti.
L’agire in funzione del momento, la creazione per il progresso, l’arte per la vita ,per i posteri.
I figli, il rinnovamento, al pari delle foglie nuove.
Noi saremo gli alberi vecchi dell’autunno imminente, dai rami spogli, forse non più protesi nell’annullamento di se stessi, i figli, foglie nuove, semi in crescita, nuove stagioni rifiorenti.
In questa giornata autunnale, osservo il cielo, le nubi non coprono la vista dell’oltre, il lieve venticello,quasi assente, sorride sugli alberi, clemente, i profumi si spargono, cerco di afferrarli, ma non si può imbrigliare ciò che è astratto, solamente goderne.
Adesso sorseggio , con calma e piacere indescrivibile, questi attimi di respiro, un battito di ciglia …Tutto fugace.

Rita Vieni

 Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.


Foto web




Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...