Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da novembre 4, 2014

ADESSO ME

Condivido la pace di quest’aria che ha lasciato la sua estate.  Agisco in azione nell’attesa di ciò che ignoro: se, i tanti se, dietro l’uscio, sul cuscino, al pasto, ai momenti di timore. Temo la sconfitta! Mi nascondo dietro false apparenze, mi nascondo al momento inventando un movimento, cercando lo scopo da apporre alla causa: io e il destino, un amore ed un cammino tra rumori, sorrisi, silenzi, veleni, ipocrisie, mormorii. Dipingo la vita a modo mio! Dipingo una vita che sfugge dai limiti e cerca la sua voce imponendo il comando. Su questa collina consumo i miei giorni!
Rita Vieni
 Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.







NOVEMBRI

‘Nta ‘sta matinata d’ autunnu chi sapi di duci, di luci, biata ‘nte culura di la natura, mi sentu ‘n paci. Novembri si prisenta affruntusu e calmu, cu culura pittati di ‘nu gran maistru. I fogghi, gialli, russi, marroni, jittati e pedi d’ ‘u so patruni, arburu chi voli canciari vistitu: -” Mi vogghiu spugghiari, canciari p’ ‘a nova staciuni”! Mentri caminu taliu cu pena tutti li fogghi sparpagghiati o ammassati ‘n terra: lu ventu e l’ acqua, senza pietà, li marturianu e iò, ci passu puru di supra quannu pi la via taliu lu cielu cummigghiatu di negghi! Chi tristizza! Chi natura spietata ma giusta! Nun pozzu fari a menu di pinzari a comu semu, a la nostra condizioni d’omini, giuvini, forti, puntigghiusi, bravi persuni,  ni manciamu lu munnu e poi… Vecchi, ni ritruvamu vecchi, chini di acciacchi e di dulura, cu pochi muvimenti e tanti lamenti, certi voti pirdemu puru lu beni di la menti, turnamu figghitti o dementi. Oh chi pena! Oh chi straziu! Mittuti di latu, maltrattati o suli, abban…