domenica 16 marzo 2014

ANIME MALEDETTE


Un’anima vuota, ricoperta da nere nuvole, caduta in un baratro profondo.
L’anima di chi non crede, non spera, non ama, non vive.
Quante di esse urlanti di strazi vagano, senza conforto, in un eterno fuoco.
Anime maledette, per tutte le vittime della sete di sangue, dalle numerose angosce provocate in anime sensibili.
Mi chiedo: la coscienza dov’è quando si agisce!
Mi chiedo: I valori inalienabili dei singoli dove sono?
Mi chiedo: la forza del male che prevale, è più forte del diritto alla vita.
Queste anime vuote, gusci che camminano, come possono trovare la forza di alzare gli occhi a guardare il mondo, dopo averlo devastato, macchiato come campo verde e profumato, dove nel centro campeggia un fuoco distruttore!

Rita Vieni


Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.



LA PAURA

LA PAURA

Non ha corpo, è astratta!
Non ha vincoli, niente catene!
Non ha prigioni, non conosce sbarre!
Non ha limiti, è ovunque!
Quando l’uomo vi soggiace, la mente muore!

Rita Vieni



Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.


Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...