mercoledì 15 ottobre 2014

OTTOBRE

Il mio sentire e dire in questo autunno estivo, sorridente sulla  collina verde muschio, spruzzata dal caldo marrone rossiccio delle foglie, tra i fiori e alberi quasi appisolati, respira in sintonia con la natura.
Nel pomeriggio di un giorno d’ottobre, ancora il sole irradia i suoi caldi raggi, di speranza allietano e soffocano i brividi al tendersi verso il  triste novembre: il pensiero annuvola il cuore!
Abbandonata nell’aria dal cielo dipinto dal chiaro celeste, satura di malinconici odori, di errabondi  sporadici insetti, mi avventuro in cerca di luoghi e vita.
Ah come mutano i luoghi alle stagioni!
Al rumore di bimbi, di una palla che corre tra i sentieri verdi, ora tutto tace, la vista non appaga alle voci, appaga al vedere il secco, l’abbandono, l’edera viva, in piena fioritura, abbarbicata sui muri, sulle recinzioni, nelle campagne, nei tratti di strada lontana da mani che possono strappare.
Definirei l’incanto del luogo, scorci naturali di un paesino carino, in sinestesi con il mio io, adesso silente, poco affabile, luminoso e generoso.
Ricevo la natura nel mio diario, tra queste parole trova dimora sempreverde e ricorderà un momento prezioso, cullato dal canto dell’eco della collina, tra gli ulivi e le lantane.
Il pallore dell’ulivo, il sapore dell’olio mi riportano a nuovi ricordi, ma questa è un’altra storia da narrare al prossimo appuntamento.



Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni



Foto web

PAROLE VUOTE

I percorsi non conducono e il sentire non soddisfa: evaporano al sole le parole vuote d’eco!


Rita Vieni


Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. 

Foto web

'NA SIRATA D' OTTOBRI

‘NA SIRATA D’ OTTOBRI

Taliu ‘nta ‘sta ura, la luci di lu jiornu :  a picca picca faci trasiri la luci di lu scuru, mi  ‘bbannuna!
L’ ummira di lu scuru si prisenta accussì, duci e muta, pigghia pi manu la me manu, inchennu l’ arma di paci e silenziu amicu.
Taliu ‘nta ‘sta ura chi si faci scuru, ‘nu vecchiu muru scurciatu: l’ erba sicca, prima virdi vivu, m’ ‘u ricordu precisu ddu culuri chi cantava a l’ amuri pi la vita ‘n primavera: ora àvi lu tipicu tonu autunnali!
Taliu ‘nta ‘sta ura ora scura, lu salamizzu chi si ‘cchiappa l’ urtima stizza di muru caudu, forsi aspetta la so cumpagna e ‘nto frattempu mi talia fissu: sapiddu si si scanta comu iò di iddu!
Taliu grata e cu tanta armunia, sentu la sinfunia di li criaturi di lu Criatu, lu me celu: ‘na vasata grata a la notti e a li stiddi, mi cunfidu a lu sonnu pi mi ‘rricriari cu li disii accurdati, ‘nta ‘n’ autra jiurnata ora scurata!

Rita Vieni

SERA  D’OTTOBRE
Osservo alla luce morente del giorno, presto il buio con le sue ombre, in una piacevole e tranquilla giornata di ottobre, all’assolo silenzioso dei miei momenti privi di malinconia, dei giochi riflessi su un brandello decrepito di muro: il verde ormai spento, ricordo il vivo colore appena nato, il secco colorato ai toni autunnali, un geco steso al calore dormiente in attesa di compagnia gradita, ed io grata sorrido al cielo in attesa del buio totale: presto la notte e le sue stelle, al sogno i desideri compiuti e rivissuti, al cuore la gioia d’assaporarli ancora.


 Rita Vieni


Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni



Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...