Passa ai contenuti principali

LA VURPI E LU CORVU (LA VOLPE E IL CORVO) (traduzione in italiano)

C’era ‘na vota, ‘nu corvu, vulava filici e cuntentu, sutta ‘nu celu senza negghi, visti ‘nu  pezzu di furmaggiu giallu, pusato ‘nto ‘nu piatto supra ‘na finestra.
“ Ora lu pigghiu e lu manciu”,si  dissi cuntentu.
Vulò e cu lu beccu lu 'cchiappò e si pusò supra ‘nu ramu di 'n’ arbiru.
Cu’ stava passannu, ‘ntanto chi si svulgeva lu fattu, ‘nta la strata e sutta a l’arbiru?
‘Na vurpi, chi vidennu lu furmaggiu e sintennusi lu stomicu vacanti,pinsò : “ Aiu fami, nun pozzu ‘cchianari supra o’ ramu picchì lu corvu scappa vulannu, iò sugnu ‘n terra e nun volu comu a iddu, chi pozzu fari”?
“ Lu pigghiu pi fissa e lu rimbambinisciu di chiacchiri, tantu cridi sicuramenti a tuttu chiddu chi ci dicu”!
-“ Corvu, chi beddi pinni niuri chi teni, fammi sentiri la to vuci, si pussedi puru la vuci comi lu culuri di lu piumaggiu, sini di sicuru lu re di l’aceddi”!
Lu corvu, nun capennu chi la vurpi lu pigghiava pi fissa , apriu lu beccu e lu furmaggiu cadivu, drittu drittu ,’nta vucca di la vurpi, chi o’ volu lu ‘cchiappò, si lu manciò e cu la panza china lu salutò.

Diffidare dalle lusinghe.

Rita Vieni

 Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.

TRADUZIONE 

C’era una volta, un corvo che in un giorno sereno, volando , vide un buon pezzo di formaggio, esposto allo sguardo famelico ,in quel caso del corvo.
Esclamò, felice: “ Adesso , lo rubo”!.
Volò, rubò e su di un alberò si posò.
Intanto che la vicenda aveva luogo, una volpe, la solita,affamata e ingorda, accortasi e fatti immediatamente i piani, esclamò, all’indirizzo del corvo, il quale stava fuori della sua portata,( facendo leva sulla credulità e stupidità del corvo),: “ Corvo sei bellissimo, il tuo piumaggio è di un nero lucido, se la tua voce è pari al colore, sarai certamente il re degli uccelli”!
Lo stupido credulone, con il formaggio in bocca, sopra il ramo, aprì la bocca e il formaggio cadde direttamente in bocca alla volpe, la quale, al volo l’acchiappò, mangiò e sazia se ne andò.

Da una favola di Fedro

Rita Vieni


Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.





Post popolari in questo blog

E' NATALE

E' Natale quando hai la pace nel cuore. E' Natale quando ami di cuore. E' Natale quando preghi per l’umanità intrisa d’orrori: che vi sia la pace in tutti i cuori! E’ Natale nel ricordo di chi non è più su questa terra, ma l’immagine conserva il posto in una tavola imbandita. E' Natale se hai la gioia di vivere e sperare nel futuro per chi ti sta accanto, per chi nasce al mondo senza incanto! E' Natale quando ancora ti emozioni nel sentire recitare figli, nipoti: la famosa letterina, tramandata negli anni, ogni anno e la cantilena sorridente in attesa del bacio! Sarà presto Natale e lo auguro a tutti uguale in gioia, serenità e salute!

Rita Vieni

Memorie

Non esiste il silenzio, parole mute scorrono dentro un sentimento mai sedato, dentro un cuore appagato, dentro pareti assenti in un tetto ove il cielo è la quiete che rasserena. Dimoro a lungo nel breve intervallo che separa il presente dal passato, dimoro brevemente in luoghi ove il respiro si bagna di libertà e gioia, si ubriaca del leggero alito caldo, del leggero battito di ciglia al tocco tenero di un raggio vagabondo in un dì magnifico. Leggera, senza legami a frenare il volo, spazio su per il mondo, in una fetta di terra senza fondo. Non cado, non cammino, non atterro, contemplo l’animo rinvigorito dal lungo cammino. Ah quanto respiro e quanti rumori ho assorbito! Ah quante voci ho inghiottito, quante mani ho udito, sapienti nella giustizia di un vivere giusto!  Raccolgo nel cesto dei ricordi ogni memoria memore di colori, ora monocromatici, ora orfani, li ripiego, li custodisco in bauli arrugginiti dal tempo che impietoso vaga senza sosta. Sosto e bevo, sosto e mi sazio ancora affama…

Amicizia

Una nuvola pigra e leggera si avvia lentamente verso limiti direzionati dal leggero venticello primaverile. L’aria tersa, il mare infinito, il cielo sereno, rappresentano uno scenario che appaga e fa sospirare dentro la sfera che ossigena i pensieri vagabondi. Due viandanti eseguono di rito i soliti passi calmi in un ordinato tragitto oggetto di meraviglia e sicurezza. Le loro menti comunicano al pari delle voci, i suoni si incontrano lieti e meravigliati nello scorrere ordinato del tempo nel tempo che esse si concedono ogni giorno alla medesima ora. I cuori corrono verso le emozioni suscitate dalla cristallina mattina, le onomatopee si avvicendano tra loro, ora in duetti sbarazzini, ora in voli senza paure, ora ai rintocchi scanditi che attraversano paesi e approdano ad orecchie vispe e attente. Tutto, tutto conduce ad una trama che scalpita, ha voglia di scoprirsi e scoprire, ha la mano tesa e il piede in fondo alla strada dal terreno macchiato da ruote che corrono verso traguardi di ogn…