Passa ai contenuti principali

LA VURPI E LU CORVU (LA VOLPE E IL CORVO) (traduzione in italiano)

C’era ‘na vota, ‘nu corvu, vulava filici e cuntentu, sutta ‘nu celu senza negghi, visti ‘nu  pezzu di furmaggiu giallu, pusato ‘nto ‘nu piatto supra ‘na finestra.
“ Ora lu pigghiu e lu manciu”,si  dissi cuntentu.
Vulò e cu lu beccu lu 'cchiappò e si pusò supra ‘nu ramu di 'n’ arbiru.
Cu’ stava passannu, ‘ntanto chi si svulgeva lu fattu, ‘nta la strata e sutta a l’arbiru?
‘Na vurpi, chi vidennu lu furmaggiu e sintennusi lu stomicu vacanti,pinsò : “ Aiu fami, nun pozzu ‘cchianari supra o’ ramu picchì lu corvu scappa vulannu, iò sugnu ‘n terra e nun volu comu a iddu, chi pozzu fari”?
“ Lu pigghiu pi fissa e lu rimbambinisciu di chiacchiri, tantu cridi sicuramenti a tuttu chiddu chi ci dicu”!
-“ Corvu, chi beddi pinni niuri chi teni, fammi sentiri la to vuci, si pussedi puru la vuci comi lu culuri di lu piumaggiu, sini di sicuru lu re di l’aceddi”!
Lu corvu, nun capennu chi la vurpi lu pigghiava pi fissa , apriu lu beccu e lu furmaggiu cadivu, drittu drittu ,’nta vucca di la vurpi, chi o’ volu lu ‘cchiappò, si lu manciò e cu la panza china lu salutò.

Diffidare dalle lusinghe.

Rita Vieni

 Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.

TRADUZIONE 

C’era una volta, un corvo che in un giorno sereno, volando , vide un buon pezzo di formaggio, esposto allo sguardo famelico ,in quel caso del corvo.
Esclamò, felice: “ Adesso , lo rubo”!.
Volò, rubò e su di un alberò si posò.
Intanto che la vicenda aveva luogo, una volpe, la solita,affamata e ingorda, accortasi e fatti immediatamente i piani, esclamò, all’indirizzo del corvo, il quale stava fuori della sua portata,( facendo leva sulla credulità e stupidità del corvo),: “ Corvo sei bellissimo, il tuo piumaggio è di un nero lucido, se la tua voce è pari al colore, sarai certamente il re degli uccelli”!
Lo stupido credulone, con il formaggio in bocca, sopra il ramo, aprì la bocca e il formaggio cadde direttamente in bocca alla volpe, la quale, al volo l’acchiappò, mangiò e sazia se ne andò.

Da una favola di Fedro

Rita Vieni


Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.





Post popolari in questo blog

E' NATALE

E' Natale quando hai la pace nel cuore. E' Natale quando ami di cuore. E' Natale quando preghi per l’umanità intrisa d’orrori: che vi sia la pace in tutti i cuori! E’ Natale nel ricordo di chi non è più su questa terra, ma l’immagine conserva il posto in una tavola imbandita. E' Natale se hai la gioia di vivere e sperare nel futuro per chi ti sta accanto, per chi nasce al mondo senza incanto! E' Natale quando ancora ti emozioni nel sentire recitare figli, nipoti: la famosa letterina, tramandata negli anni, ogni anno e la cantilena sorridente in attesa del bacio! Sarà presto Natale e lo auguro a tutti uguale in gioia, serenità e salute!

Rita Vieni

Il buio dentro la luce

Osservo in questo, il colore luminoso e il soffio di vita che si sprigionano nel quotidiano di ognuno. Ognuno con la sua ombra, chiaroscuro d'essenza, con la gabbia e con il desiderio di grandi ali pennute magnifiche, con arti ad artigliare il mondo per spiccare un volo incontrastato. Che sia un lungo incipit, un intreccio carismatico, un flusso coscienzioso, una abbinamento con il monocromatico, una coesistenza con anacenosi in duetto con l'epifonema. L'epilogo, un lungo idillio nel breve corso naturale!

La mia vita addossata sulle spalle preme fuori da sé per scoprirsi gli occhi inebriati dai colori vivi e smorti. Accarezza le ombre, parla agli echi ma si solidifica quando scorge il se che raffredda il tono ballerino che arresta la corsa a perdifiato. Infine il buio dopo aver bevuto la luce!


Rita Vieni



A PIEDI NUDI

Respiro lungo la strada del giorno, osservo il mio alito, conto i giorni andati, accarezzo il futuro lieta nella dimensione astratta e infiocchettata, impossibile individuarne le sorprese.
Ai doni, alle rinunce, alla scoperta del dopo mi accodo.
Però ho timore dell'aria inquinata, ho timore della cascata contaminata, ho dubbi e paure agli incroci vitali!
Indugio su un fiore, il colore è inganno, l'odore mi oblia, l'occhio duole.
Proseguo lungo la strada del giorno che conduce e qui incomincio ad afferrare che è delimitata dai timori, dall'aria inquinata, dalla cascata contaminata dei riflessi pensieri, compagni di stanza, non più al quando, ma continui e celati alla mente e all'occhio.
Ed è nel proseguo che costante e benevolo e capriccioso e odierno che prendo per mano i miei cari, stretti nella ferrea presa e a piedi nudi respiro.

Rita Vieni