domenica 26 gennaio 2014

OCCHI E VOLTI



Un coro di voci che si alzano, molteplici, non riesco a contarle, arrivano alle orecchie assordandole.
Occhi lucidi, vitrei, sofferenti, dai dolori di un’anima abbandonata sorda alla felicità.
Volti attraversati da crepe, spaccati in due dal troppo vissuto lacerato per ingiustizie patite, per le troppe mani alzate.
Volti rubati alla vita!
Ora bussano alle coscienze , le voci cercano, in un urlo sordo legato al reale, un filo sottile di speranza in risposta.

I  volti interrogano viandanti e falsi distratti.
Un giorno, la giustizia dei giusti, in un mondo diverso.
Speranza per una giustizia che tarda ad imporsi nell’identità umana.

Rita vieni






Foto web

Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...