mercoledì 21 maggio 2014

ADESSO QUI

Mattine al chiaro di un giorno rinnovato, festanti in cori d’allegre ciance, alati voli, macchie svolazzanti , in giro nel mare di nuvole bianche, onde increspate sull’infinito esteso a  palla.
Io qui, nell’adesso mai uguale, immutate case, forse meno imbiancate, preda dell’incuria del tempo, asciutte da realtà moderne, collocata in uno spazio verde e intonato, tra orme e radici, tra alberi secolari e petunie sgargianti.
Io qui, come ombra silente che non produce rumore, viva e all’erta nell’io che vi dimora, cerco uno spazio e lo occupo, posto d’onore, i miei sentimenti con gli affetti di sempre!

Rita vieni


Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.


Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...