domenica 16 febbraio 2014

PANCHINE

E mi ritrovo seduta in questa panchina a condividere silenzi nel vuoto che mi abbraccia.
Strano ascoltarne l’alito, sentirne il peso  e vedere l’impronta della mano sulla spalla.
Fisso l’oltre e nel manto variopinto di bruciata natura, la caducità è là che mi aspetta.

Rita Vieni


Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.



CU’ SUGNU

Sugnu forsi cu’ furriannu cerca se stissa, o forsi cu’ ‘nqueta   cerca postu o’ munnu? Iò nun sacciu cu’ sugnu e chi vogghiu, ...