mercoledì 12 aprile 2017

Emozioni

Imparo a scrivere le parole mentre guardo da questo angolo di mondo, in un momento ricco di pagine calde, circondata da sensazioni e non da neve sciolta, non da tempesta.
Non nascondo ai silenzi i pensieri, forbiti e ingenui e agli occhi, non ciechi di conoscenza, mi svelo.
Eternamente attimo fuggito, eternamente istante fulminante mi entri nel cuore come fulmine a incendiare secchi arbusti, mi entri dentro come nutrimento nutrendomi a sazietà.
Eternamente mai più mio al tatto degli occhi ma triturato dall'amore in questa emozione eterea!


Rita Vieni





Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...