sabato 21 gennaio 2017

Buongiorno gennaio

L'oscurità cede il passo alla luce, l'udito percepisce suoni pressanti, le imposte tremano alla sollecitudine forzata da refoli imbrattati dal vento intenso e tremante.
I fiori si piegano al volere tiranno, tutto si arrende alla forza impetuosa.
Tutto riprende, dopo la parentesi forzata, la calma.
La luce perfora le nuvole e si modella alle forme scolpite dal tempo, lo sguardo indaga su cielo, mare e monti: in questo definito gli spazi si amplificano e le distanze accorciano le emozioni che di pari passo conducono con le azioni riflesse in uno specchio brillante di vita!

Buongiorno gennaio :)


Rita Vieni



Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...