martedì 20 dicembre 2016

Inverno

L’incandescente favilla rossa spezza il silenzio assordante in una stanza vuota di solitudine, cori generosi irrompono spezzando l’egoismo antagonista di un generoso dire coalizzato dentro un sentire non amorfo ma vivido e caldo come lo scoppiettio di ciocchi sfrigolanti d’armonie.
L’inverno freddo reclama un calore in sé d’essenza e rigetta rigide forme stilizzate in stalattiti stantii.



Rita Vieni



CU’ SUGNU

Sugnu forsi cu’ furriannu cerca se stissa, o forsi cu’ ‘nqueta   cerca postu o’ munnu? Iò nun sacciu cu’ sugnu e chi vogghiu, ...