mercoledì 21 dicembre 2016

Ancora nei giorni

Ho abbandonato questa notte definita, ho obliato il candore di un cupo sogno, ho sbirciato il mattino a colori sulla mappa di erba e terra.
Oh collina sazia di sole, arsa zolla avida di sapore, sassi piatti e desideri dalle vocali stonate, gemi alle imposte dallo scontro distratto e forzato, vento in eco dalla montagna, carezza che mi bagna in gocce asciutte in pupille.
Si consuma il giorno e alla luna il destino, tremolante fiammella della mia luce.


Rita Vieni


CU’ SUGNU

Sugnu forsi cu’ furriannu cerca se stissa, o forsi cu’ ‘nqueta   cerca postu o’ munnu? Iò nun sacciu cu’ sugnu e chi vogghiu, ...