martedì 4 febbraio 2014

PERCORSI

Cammino lungo una strada che sembra  tranquilla.
Tutto m’appare meraviglioso alla vista.
Larga la via, un terreno che accoglie i miei passi, il rumore prodotto dalle scarpe che pestano il suolo, musica amica, non solitario percorso, ma allietato da canti di uccelli, timidi buongiorno al viandante di turno.
Accolgo con gioia l’aria del mattino che mi gira intorno, soffiando spensieratamente, mentre un albero posto a sosta , mi invita al riposo momentaneo.
Tutto induce alla positività.
Il cielo è laborioso, le nuvole litigano nella fretta di diradarsi, così da mostrare la bellezza di un azzurro magnifico, per offrirmi il tepore di un giorno, nell’ordinario  di un inverno che conserva ancora le ultime tracce di un recente autunno.
La via è lunga per arrivare alla meta, in lontananza intravedo vari paesaggi, diversi, mai uguali, chissà quali insidie, più avanti o subito dopo quella curva.
Io intanto, godo di quest’aria, di questi momenti dove il silenzio rotto dalla natura mi accoglie e prepara dimore gioiose e tranquille.
Percorro la via amici, lieta ancora una volta per questo giorno.

Buona giornata a voi lettori, virtualmente percorriamo la via, assaporando l’aria di un mattino di inverno.

Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.



Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...