sabato 18 ottobre 2014

VANITA'

Nuddu 'mpedimentu a lu tempu chi ci scurri vicinu e limita lu nostru agiri.
Nenti o' tuttu chi si scoddaria e nostri pedi e vinci supra la vuluntà!
Ma o' nenti di li animi vacanti sì, putemu fari finta di nenti.


I limiti e le sofferenze imposti dal tempo e dal non prevedibile, il resto è la fiera di una vanità al mercato.

Rita Vieni


Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.





CU’ SUGNU

Sugnu forsi cu’ furriannu cerca se stissa, o forsi cu’ ‘nqueta   cerca postu o’ munnu? Iò nun sacciu cu’ sugnu e chi vogghiu, ...