Passa ai contenuti principali

ASCOLTO

Ascolto il silenzio silenzioso dal colore verde pallido, macchiato dal marrone bruciato, secco dal fango e abbandonato alla incuria del tempo: marcia la foglia staccata dal ramo che pendula e obliata accetta se stessa nel tappeto di foglie sotto l’albero ove ai piedi giacciono recise.
Quanto silenzio intorno a me!
Non ascolto il lieto garrire delle rondini, lo stridulo grido ne annuncia il passaggio, dalla vasca muschiata del vicino non odo il concerto delle rane, il rospo dorme sotto il manto bruciato, mimetizzato.
Non ascolto l’allegra cicala che incurante e poco accorta, canta alla vita e alla bella vita.
Non ascolto la natura desta o infiorata: nella stagione appena trascorsa essa si gongolava al sole cocente, schierata,  dalle siepi adorne di fichi d’India, con i rovi e i gelsi, con i colori delle verdure negli orti.
Adesso, viaggiatrice del passato, rifletto allo specchio il modo definito del passato, adagiato e ammuffito in scatole magiche: apri alla mente la visione adornata d’antichi ricordi, di bambina dentro l’aia a correre dietro al pio pio costernato, in gioia porgere l’udire allo stornello intonato del canarino.
Eccomi a perdifiato lungo la discesa spezzata da fiori, erbacce e sassi.
Eccomi alla mia altalena.
Eccomi allo sguardo porgermi al cielo: la mia speranza nel domani mi riporta lieta e serena a questo futuro.
In maturità scrivo nella mia dimora: segnata dal tempo trascorso, invecchiata al cuore e ai pensieri, dalla pelle rosea pallida, dai capelli derisi dal tempo, fili bianchi osservo e ricompongo, chiudo la scatola e ripongo in soffitta, presto alla non sconfitta ritornare, gioire e rinverdire, per rinfrancare lo spirito e alleggerire pensieri.
Qui adesso sorrido al mattino autunnale, alla virtuale panchina del tempo, ove seduta commemoro il pensiero e attendo solitaria, sotto l’albero arso d’estate e orfano, spoglio dalle foglie, la prossima stagione: quasi ne avverto il freddo pungente, la neve adagiata sulle gambe e il respiro reso puro al soffio delle nuvole.
Ascolto e sorrido, chiudo la pagina di questo diario e percorro al reale la vita seduta con me che attende l’azione e le parole!


Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni

Foto dal web

Post popolari in questo blog

E' NATALE

E' Natale quando hai la pace nel cuore. E' Natale quando ami di cuore. E' Natale quando preghi per l’umanità intrisa d’orrori: che vi sia la pace in tutti i cuori! E’ Natale nel ricordo di chi non è più su questa terra, ma l’immagine conserva il posto in una tavola imbandita. E' Natale se hai la gioia di vivere e sperare nel futuro per chi ti sta accanto, per chi nasce al mondo senza incanto! E' Natale quando ancora ti emozioni nel sentire recitare figli, nipoti: la famosa letterina, tramandata negli anni, ogni anno e la cantilena sorridente in attesa del bacio! Sarà presto Natale e lo auguro a tutti uguale in gioia, serenità e salute!

Rita Vieni

Il buio dentro la luce

Osservo in questo, il colore luminoso e il soffio di vita che si sprigionano nel quotidiano di ognuno. Ognuno con la sua ombra, chiaroscuro d'essenza, con la gabbia e con il desiderio di grandi ali pennute magnifiche, con arti ad artigliare il mondo per spiccare un volo incontrastato. Che sia un lungo incipit, un intreccio carismatico, un flusso coscienzioso, una abbinamento con il monocromatico, una coesistenza con anacenosi in duetto con l'epifonema. L'epilogo, un lungo idillio nel breve corso naturale!

La mia vita addossata sulle spalle preme fuori da sé per scoprirsi gli occhi inebriati dai colori vivi e smorti. Accarezza le ombre, parla agli echi ma si solidifica quando scorge il se che raffredda il tono ballerino che arresta la corsa a perdifiato. Infine il buio dopo aver bevuto la luce!


Rita Vieni



A PIEDI NUDI

Respiro lungo la strada del giorno, osservo il mio alito, conto i giorni andati, accarezzo il futuro lieta nella dimensione astratta e infiocchettata, impossibile individuarne le sorprese.
Ai doni, alle rinunce, alla scoperta del dopo mi accodo.
Però ho timore dell'aria inquinata, ho timore della cascata contaminata, ho dubbi e paure agli incroci vitali!
Indugio su un fiore, il colore è inganno, l'odore mi oblia, l'occhio duole.
Proseguo lungo la strada del giorno che conduce e qui incomincio ad afferrare che è delimitata dai timori, dall'aria inquinata, dalla cascata contaminata dei riflessi pensieri, compagni di stanza, non più al quando, ma continui e celati alla mente e all'occhio.
Ed è nel proseguo che costante e benevolo e capriccioso e odierno che prendo per mano i miei cari, stretti nella ferrea presa e a piedi nudi respiro.

Rita Vieni