lunedì 15 settembre 2014

ANCORA RICORDI AL CALDO SETTEMBRE

Un'altra giornata ad attendermi stamani, fuori l'aria è meravigliosa, l’odore d’erba mi scuote, i raggi mi sospingono e una voce incalzante mi chiama a ricevere la solita carezza della luce sulla pelle, i soliti raggi caldi e teneri.
Prendo il mio giorno per mano, avviandomi per i miei vicoli, alla ricerca di voci e sentire, alla ricerca di me tra il passato presente nei riflessi e nei ricordi, presente nel passato trascorso segnato tra le crepe di muri invasi dal verde secco e dagli infissi percossi dalle intemperie.
Ma la gioia permane, al tatto sento l’odore dei sorrisi, le voci di bimbi, i colori sgargianti di vesti dal profumo di sapone, di pulito ingenuo e dal candore di chi ha molte pretese dal futuro.
Ma adesso scuoto i pensieri, chiudo gli occhi alla marea d’emozioni, ritorno al dolce tepore di mura che m’abbracciano e ripongo all’asciutto di virtuale inchiostro i sensi smossi.
Adesso è tempo d’agire, è tempo del presente, è tempo di scrivere la pagine odierna transitiva definita al singolare d’un io riflessivo quasi solitario.


Rita Vieni



Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...