domenica 29 giugno 2014

ADESSO

Uno sguardo e ritrovo la vita, ritrovo gli angoli vissuti, ritrovo profumi, l’abituale vista mai paga nell’aria di un giorno di giugno.
Il tempo scorre, le ore incalzano, la luce modifica forme e dimensioni, la realtà è adesso e lo spazio chiama.
Ritrovo la memoria, ritrovo me e guardo indietro l’io, un tempo non ha sorriso.
Mi soffermo ancora, coincido le risposte alle domande e mi abbandono, anche se per poco, in questo luogo che d’inganno non ha nulla, solo il tempo che si ferma sorridendo e siede.
E’ un attimo e tutto è già passato…


Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...