Passa ai contenuti principali

'A NATURA A MIRTU (con traduzione in italiano)




LA NATURA A MIRTU

La natura si 'ddiverti, si trova ‘nto so, quannu àvi modu mi si sfoga.
Mostra culura 'n posa, comu  ‘nte quadri pittati di li pittura chi gilusi di tali miravigghi, nun putennuli acchiappari e teniri pi sempri davanti a l' occhi, ci fannu fotografii chi pennelli.
Lu celu è ‘nu spittaculu, quannu stenni tutta ‘na cutra niura cu li stiddi arraccamati, ‘nta notti china di ciauru.
Lu mari, un vistituzzu di villutu blu, chi 'rrobba lu culuri o’ celu di nu jornu sirinu.
Chi diri di lu ventu, chi mafiusu sferra ‘a so forza pi lu munnu, ciatannuci ‘nfacci o’ suli, chi c’ ‘a so vampa, abbrucia la terra e ni faci purvulazzu.
Duna lu megghiu di sé, puri ‘nte jurnati di ‘sta staciuni, d’ ‘a me Sicilia, ‘nto paiseddu di cullina, Mirtu, ‘nu ‘rappiceddu di casittti 'rricugghiuti, unni l’aria è pulita, lu prugressu si firmò, l’anticu àvi lu sapuri di sanu.
Di lu so postu di vardia, lu paisi pari chi voli 'cchiappari lu celu e chistu o pi pietà o troppu amuri, pari chi ci jietta li vrazza, manna vasci li negghi, ci offrunu ‘nu giru turisticu a li abitanti, comu supra ‘nu tappitu vulanti.
Casi oramai mucchi di petra sduruppati, lassati a la manu di lu tempu, abbrazzati di l’edira chi pari li voli risparmiari di lu friddu, lu virdi di l’erba è vivu, ciauria e canta o’ sonu d’ ‘u ventu.
Cca a Mirtu, ‘nta negghia chi spissu faci cumpagnia, ‘nta ‘n’ umidità chi trasi ‘nta l’ ossa, sutta scrusci d’acqua viulenti e non, ‘nta dda picca di nivi chi si 'affaccia ogni tantu pi ni salutari, la natura si pripara a ripusari, ‘nsemi e facciati vecchi d’ ‘i casi, sutta a l’arburi chi sbadigghiunu e cummogghiunu la terra, cu li fogghi comu cuperti, finu a la prossima staciuni; ma ora, silenziu…
‘A solitudini e ‘a paci chi rispiranu a Mirtu, mi fannu alluntanari ‘n punta di pedi, pi non disturbari!

Rita Vieni

LA NATURA A MIRTO

La natura si esprime con la poesia dei suoi colori, con lo spettacolo delle stelle nel nero cielo notturno, con il velluto blu del mare, con la forza del vento, con l’energia del sole, con il respiro degli alberi.
Anche con la pioggia, con la forza scatenante degli elementi distruttivi, con una giornata sgombra da nuvole, in un giorno di questa attuale stagione della mia bella Sicilia, in un piccolissimo paesino collinare,
dove i profumi vengono amplificati, dove il cielo sembra voglia scendere, per offrirci un volo sulle nuvole, alla scoperta dei luoghi cari, vecchi ruderi, abbracciati dall’edera, eterna compagna, qui il verde è più verde e profuma di puro.
La natura si esprime, a Mirto, attraverso i visi delle case, il portamento degli alberi, la solitudine e pace di alcuni luoghi.
A Mirto la natura domina, malgrado la pioggia, il vento, la pochissima neve, mantiene l’aspetto d’un vecchio articolo, sempre alla moda.

Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.





Foto: ‘A NATURA A MIRTU

La natura faci i catazombula, si trova ‘nto so, quannu àvi  modu di sfugarisi.
Mostra culura chi fannu bedda mostra ‘nte quadri di li pittura ,chi gilusi di tali miravigghi, nun putennuli acciappari e teniri pi sempri , ci fannu fotografii chi pennelli.
Lu celu è ‘nu spittaculu, quannu stenni tutta ‘na cutra niura cu li stiddi arraccamati, ‘nta notti china di ciauru.
Lu mari, un vistituzzu di villutu blu, ch’arrobba lu culuri o’ celu di nu jornu serenu.
Chi diri di lu ventu, chi mafiusu sferra ‘a so forza pi lu munnu, ciatannuci ‘nfacci o’ suli, chi c’ ‘a so vampa, abbrucia la terra, rinnennula purvulazzu.
Duna lu megghiu di sé, puri ‘nte jurnati  di ‘sta staciuni, d’ ‘a me Sicilia, ‘nto paiseddu di cullina, Mirtu, ‘nu ‘rappiceddu di casittti arricugghiuti, unni l’aria è pulita, lu progressu si firmò, l’anticu àvi lu sapuri di sanu.
Du so postu di vardia, lu paisi pari chi voli acchiappari lu celu, chi pi pietà o troppu amuri, pari chi ci tenni li vrazza, manna vasci li negghi, ci offrunu ‘nu giru turisticu a li abitanti, comu supra ‘nu tappitu vulanti.
Casi oramai mucchi di petra sduruppati, lassati a la manu di lu tempu, abbrazzati di l’edira chi pari li voli risparmiari di lu friddu, lu virdi di l’erba è vivu, ciauria e canta o’ sonu d’ ‘u ventu.
Cca a Mirtu, ‘nta negghia  chi spissu faci cumpagnia, ‘nta ‘n’ umidità chi trasi ‘nta l’ ossa, sutta scrusci d’acqua viulenti e non, ‘nta dda picca di nivi chi s’affaccia ogni tantu pi ni salutari, la natura si pripara a ripusari, ‘nsemi e facciati vecchi d’ ‘i casi, sutta a l’arburi chi sbadigghiunu e cummogghiunu la terra ,chi fogghi  comu cuperti, finu a la prossima staciuni; ma ora, silenziu… 
‘A solitudini e ‘a paci chi rispiranu a Mirtu, mi fannu alluntanari ‘n punta di pedi, pi non disturbari!

Rita Vieni
 
LA NATURA  A  MIRTO

La natura  si esprime con la poesia dei suoi colori, con lo spettacolo delle stelle nel nero cielo notturno, con  il velluto blu del mare, con la forza del vento, con l’energia del sole, con il respiro degli alberi.
 Anche con la pioggia, con la forza scatenante degli elementi  distruttivi, con una giornata sgombra da nuvole, , in un giorno di questa attuale stagione della mia bella Sicilia, in un piccolissimo paesino collinare,
dove i profumi vengono amplificati, dove il cielo sembra  voglia scendere, per offrirci un volo sulle nuvole, alla scoperta dei luoghi cari, vecchi ruderi, abbracciati dall’edera, eterna compagna dove il verde è più verde  e profuma di puro.
La natura si esprime, qui a Mirto, attraverso i visi delle case, il portamento degli alberi, la solitudine e pace di alcuni luoghi.
Qui a Mirto la natura domina, malgrado la pioggia, il vento, la pochissima neve, mantiene l’aspetto d’un vecchio articolo, sempre alla moda.

Rita Vieni 

 Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.


Post popolari in questo blog

E' NATALE

E' Natale quando hai la pace nel cuore. E' Natale quando ami di cuore. E' Natale quando preghi per l’umanità intrisa d’orrori: che vi sia la pace in tutti i cuori! E’ Natale nel ricordo di chi non è più su questa terra, ma l’immagine conserva il posto in una tavola imbandita. E' Natale se hai la gioia di vivere e sperare nel futuro per chi ti sta accanto, per chi nasce al mondo senza incanto! E' Natale quando ancora ti emozioni nel sentire recitare figli, nipoti: la famosa letterina, tramandata negli anni, ogni anno e la cantilena sorridente in attesa del bacio! Sarà presto Natale e lo auguro a tutti uguale in gioia, serenità e salute!

Rita Vieni

Memorie

Non esiste il silenzio, parole mute scorrono dentro un sentimento mai sedato, dentro un cuore appagato, dentro pareti assenti in un tetto ove il cielo è la quiete che rasserena. Dimoro a lungo nel breve intervallo che separa il presente dal passato, dimoro brevemente in luoghi ove il respiro si bagna di libertà e gioia, si ubriaca del leggero alito caldo, del leggero battito di ciglia al tocco tenero di un raggio vagabondo in un dì magnifico. Leggera, senza legami a frenare il volo, spazio su per il mondo, in una fetta di terra senza fondo. Non cado, non cammino, non atterro, contemplo l’animo rinvigorito dal lungo cammino. Ah quanto respiro e quanti rumori ho assorbito! Ah quante voci ho inghiottito, quante mani ho udito, sapienti nella giustizia di un vivere giusto!  Raccolgo nel cesto dei ricordi ogni memoria memore di colori, ora monocromatici, ora orfani, li ripiego, li custodisco in bauli arrugginiti dal tempo che impietoso vaga senza sosta. Sosto e bevo, sosto e mi sazio ancora affama…

Amicizia

Una nuvola pigra e leggera si avvia lentamente verso limiti direzionati dal leggero venticello primaverile. L’aria tersa, il mare infinito, il cielo sereno, rappresentano uno scenario che appaga e fa sospirare dentro la sfera che ossigena i pensieri vagabondi. Due viandanti eseguono di rito i soliti passi calmi in un ordinato tragitto oggetto di meraviglia e sicurezza. Le loro menti comunicano al pari delle voci, i suoni si incontrano lieti e meravigliati nello scorrere ordinato del tempo nel tempo che esse si concedono ogni giorno alla medesima ora. I cuori corrono verso le emozioni suscitate dalla cristallina mattina, le onomatopee si avvicendano tra loro, ora in duetti sbarazzini, ora in voli senza paure, ora ai rintocchi scanditi che attraversano paesi e approdano ad orecchie vispe e attente. Tutto, tutto conduce ad una trama che scalpita, ha voglia di scoprirsi e scoprire, ha la mano tesa e il piede in fondo alla strada dal terreno macchiato da ruote che corrono verso traguardi di ogn…