Passa ai contenuti principali

'A NATURA A MIRTU (con traduzione in italiano)




LA NATURA A MIRTU

La natura si 'ddiverti, si trova ‘nto so, quannu àvi modu mi si sfoga.
Mostra culura 'n posa, comu  ‘nte quadri pittati di li pittura chi gilusi di tali miravigghi, nun putennuli acchiappari e teniri pi sempri davanti a l' occhi, ci fannu fotografii chi pennelli.
Lu celu è ‘nu spittaculu, quannu stenni tutta ‘na cutra niura cu li stiddi arraccamati, ‘nta notti china di ciauru.
Lu mari, un vistituzzu di villutu blu, chi 'rrobba lu culuri o’ celu di nu jornu sirinu.
Chi diri di lu ventu, chi mafiusu sferra ‘a so forza pi lu munnu, ciatannuci ‘nfacci o’ suli, chi c’ ‘a so vampa, abbrucia la terra e ni faci purvulazzu.
Duna lu megghiu di sé, puri ‘nte jurnati di ‘sta staciuni, d’ ‘a me Sicilia, ‘nto paiseddu di cullina, Mirtu, ‘nu ‘rappiceddu di casittti 'rricugghiuti, unni l’aria è pulita, lu prugressu si firmò, l’anticu àvi lu sapuri di sanu.
Di lu so postu di vardia, lu paisi pari chi voli 'cchiappari lu celu e chistu o pi pietà o troppu amuri, pari chi ci jietta li vrazza, manna vasci li negghi, ci offrunu ‘nu giru turisticu a li abitanti, comu supra ‘nu tappitu vulanti.
Casi oramai mucchi di petra sduruppati, lassati a la manu di lu tempu, abbrazzati di l’edira chi pari li voli risparmiari di lu friddu, lu virdi di l’erba è vivu, ciauria e canta o’ sonu d’ ‘u ventu.
Cca a Mirtu, ‘nta negghia chi spissu faci cumpagnia, ‘nta ‘n’ umidità chi trasi ‘nta l’ ossa, sutta scrusci d’acqua viulenti e non, ‘nta dda picca di nivi chi si 'affaccia ogni tantu pi ni salutari, la natura si pripara a ripusari, ‘nsemi e facciati vecchi d’ ‘i casi, sutta a l’arburi chi sbadigghiunu e cummogghiunu la terra, cu li fogghi comu cuperti, finu a la prossima staciuni; ma ora, silenziu…
‘A solitudini e ‘a paci chi rispiranu a Mirtu, mi fannu alluntanari ‘n punta di pedi, pi non disturbari!

Rita Vieni

LA NATURA A MIRTO

La natura si esprime con la poesia dei suoi colori, con lo spettacolo delle stelle nel nero cielo notturno, con il velluto blu del mare, con la forza del vento, con l’energia del sole, con il respiro degli alberi.
Anche con la pioggia, con la forza scatenante degli elementi distruttivi, con una giornata sgombra da nuvole, in un giorno di questa attuale stagione della mia bella Sicilia, in un piccolissimo paesino collinare,
dove i profumi vengono amplificati, dove il cielo sembra voglia scendere, per offrirci un volo sulle nuvole, alla scoperta dei luoghi cari, vecchi ruderi, abbracciati dall’edera, eterna compagna, qui il verde è più verde e profuma di puro.
La natura si esprime, a Mirto, attraverso i visi delle case, il portamento degli alberi, la solitudine e pace di alcuni luoghi.
A Mirto la natura domina, malgrado la pioggia, il vento, la pochissima neve, mantiene l’aspetto d’un vecchio articolo, sempre alla moda.

Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.





Foto: ‘A NATURA A MIRTU

La natura faci i catazombula, si trova ‘nto so, quannu àvi  modu di sfugarisi.
Mostra culura chi fannu bedda mostra ‘nte quadri di li pittura ,chi gilusi di tali miravigghi, nun putennuli acciappari e teniri pi sempri , ci fannu fotografii chi pennelli.
Lu celu è ‘nu spittaculu, quannu stenni tutta ‘na cutra niura cu li stiddi arraccamati, ‘nta notti china di ciauru.
Lu mari, un vistituzzu di villutu blu, ch’arrobba lu culuri o’ celu di nu jornu serenu.
Chi diri di lu ventu, chi mafiusu sferra ‘a so forza pi lu munnu, ciatannuci ‘nfacci o’ suli, chi c’ ‘a so vampa, abbrucia la terra, rinnennula purvulazzu.
Duna lu megghiu di sé, puri ‘nte jurnati  di ‘sta staciuni, d’ ‘a me Sicilia, ‘nto paiseddu di cullina, Mirtu, ‘nu ‘rappiceddu di casittti arricugghiuti, unni l’aria è pulita, lu progressu si firmò, l’anticu àvi lu sapuri di sanu.
Du so postu di vardia, lu paisi pari chi voli acchiappari lu celu, chi pi pietà o troppu amuri, pari chi ci tenni li vrazza, manna vasci li negghi, ci offrunu ‘nu giru turisticu a li abitanti, comu supra ‘nu tappitu vulanti.
Casi oramai mucchi di petra sduruppati, lassati a la manu di lu tempu, abbrazzati di l’edira chi pari li voli risparmiari di lu friddu, lu virdi di l’erba è vivu, ciauria e canta o’ sonu d’ ‘u ventu.
Cca a Mirtu, ‘nta negghia  chi spissu faci cumpagnia, ‘nta ‘n’ umidità chi trasi ‘nta l’ ossa, sutta scrusci d’acqua viulenti e non, ‘nta dda picca di nivi chi s’affaccia ogni tantu pi ni salutari, la natura si pripara a ripusari, ‘nsemi e facciati vecchi d’ ‘i casi, sutta a l’arburi chi sbadigghiunu e cummogghiunu la terra ,chi fogghi  comu cuperti, finu a la prossima staciuni; ma ora, silenziu… 
‘A solitudini e ‘a paci chi rispiranu a Mirtu, mi fannu alluntanari ‘n punta di pedi, pi non disturbari!

Rita Vieni
 
LA NATURA  A  MIRTO

La natura  si esprime con la poesia dei suoi colori, con lo spettacolo delle stelle nel nero cielo notturno, con  il velluto blu del mare, con la forza del vento, con l’energia del sole, con il respiro degli alberi.
 Anche con la pioggia, con la forza scatenante degli elementi  distruttivi, con una giornata sgombra da nuvole, , in un giorno di questa attuale stagione della mia bella Sicilia, in un piccolissimo paesino collinare,
dove i profumi vengono amplificati, dove il cielo sembra  voglia scendere, per offrirci un volo sulle nuvole, alla scoperta dei luoghi cari, vecchi ruderi, abbracciati dall’edera, eterna compagna dove il verde è più verde  e profuma di puro.
La natura si esprime, qui a Mirto, attraverso i visi delle case, il portamento degli alberi, la solitudine e pace di alcuni luoghi.
Qui a Mirto la natura domina, malgrado la pioggia, il vento, la pochissima neve, mantiene l’aspetto d’un vecchio articolo, sempre alla moda.

Rita Vieni 

 Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.


Post popolari in questo blog

E' NATALE

E' Natale quando hai la pace nel cuore. E' Natale quando ami di cuore. E' Natale quando preghi per l’umanità intrisa d’orrori: che vi sia la pace in tutti i cuori! E’ Natale nel ricordo di chi non è più su questa terra, ma l’immagine conserva il posto in una tavola imbandita. E' Natale se hai la gioia di vivere e sperare nel futuro per chi ti sta accanto, per chi nasce al mondo senza incanto! E' Natale quando ancora ti emozioni nel sentire recitare figli, nipoti: la famosa letterina, tramandata negli anni, ogni anno e la cantilena sorridente in attesa del bacio! Sarà presto Natale e lo auguro a tutti uguale in gioia, serenità e salute!

Rita Vieni

Il buio dentro la luce

Osservo in questo, il colore luminoso e il soffio di vita che si sprigionano nel quotidiano di ognuno. Ognuno con la sua ombra, chiaroscuro d'essenza, con la gabbia e con il desiderio di grandi ali pennute magnifiche, con arti ad artigliare il mondo per spiccare un volo incontrastato. Che sia un lungo incipit, un intreccio carismatico, un flusso coscienzioso, una abbinamento con il monocromatico, una coesistenza con anacenosi in duetto con l'epifonema. L'epilogo, un lungo idillio nel breve corso naturale!

La mia vita addossata sulle spalle preme fuori da sé per scoprirsi gli occhi inebriati dai colori vivi e smorti. Accarezza le ombre, parla agli echi ma si solidifica quando scorge il se che raffredda il tono ballerino che arresta la corsa a perdifiato. Infine il buio dopo aver bevuto la luce!


Rita Vieni



A PIEDI NUDI

Respiro lungo la strada del giorno, osservo il mio alito, conto i giorni andati, accarezzo il futuro lieta nella dimensione astratta e infiocchettata, impossibile individuarne le sorprese.
Ai doni, alle rinunce, alla scoperta del dopo mi accodo.
Però ho timore dell'aria inquinata, ho timore della cascata contaminata, ho dubbi e paure agli incroci vitali!
Indugio su un fiore, il colore è inganno, l'odore mi oblia, l'occhio duole.
Proseguo lungo la strada del giorno che conduce e qui incomincio ad afferrare che è delimitata dai timori, dall'aria inquinata, dalla cascata contaminata dei riflessi pensieri, compagni di stanza, non più al quando, ma continui e celati alla mente e all'occhio.
Ed è nel proseguo che costante e benevolo e capriccioso e odierno che prendo per mano i miei cari, stretti nella ferrea presa e a piedi nudi respiro.

Rita Vieni