Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da maggio 26, 2017

OLTRE LA PIETRA PIATTA

Scaglio lontano una pietra piatta. Eccola giungere oltre il silenzio, oltre la vista che preclude lo sguardo, oltre l’immagine che a me porta, mentre la porta dell’infinito s’apre e i suoi profumi invadono i miei sensi. Oltre me stessa, oltre il limite concessomi, cieli sereni e velati, misteri e libertà, sogni del cuore non infranti, oltre l’infinito il bacio del principe azzurro. Oltre la pietra piatta, il tonfo ne è attutito dalle nuvole in sosta, la visione chiude allo sguardo apre in agnizione, senza cleuasmo, senza il non ritmo vitale. Rapita, dentro l’infinito, volgo lo sguardo e a me conduce, vedo occhi, luci e non voci, ma l’eco del mondo affievolito e stanco mormora di affanni, corse e inganni. Ho scagliato lontano una pietra piatta, oltre la vista che preclude lo sguardo, mai male essa vuole, solo sostare senza lamenti e isolamenti, senza paure, sangue e angosce a udire. Ma essi giungono senza bussare! Qui ove risiede l’urlo del mondo, il perdono è concesso, ma giunto da …