venerdì 10 febbraio 2017

Il tuo compleanno

Quel istante estinto, intinto nel balenio riflesso nelle pozze verdi del tuo amore, ancor sogno!
Ho vissuto nel battito frenetico del tuo cuore, ho vissuto al galoppo frenetico del mio cuore, senza sella, selvaggia verso l’indefinito amare.
Ti ho vissuto in giovinezza quando l’ardore ci consumava, ti ho vissuto al tatto odorandoti, imprimendo nel mio corpo l’immagine eterna dei tuoi tratti.
Ti ho amato e t’amo, così semplicemente, coi ma e i se, rondine di ritorno, fiume al delta, grido errabondo d’eco nel sogno della favola dipinta dei nostri oggi.

Per te nei giorni...



Rita Vieni


Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...