Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da agosto 22, 2015

'NA JURNATA DI STATI

In ammirazioni di un jornu caudu, vidu arvuli tinciuti di suli, fogghi cuncatinati sutta a l’occhiu di lu celu e sentu 'i mani di la luci chi ‘ccarizzunu ‘sta peddi fina. Lu culuri di ‘stu tettu rutunnulu, eni vivu, sgargianti, ci vidu picca negghi e ali niuri vulanti, mentri lu ciauru ‘nta l’aria si cunfunni cu la vita di tutti li jiorna, ‘ntantu iò spalancu la porta chi mi porta a vigghiari. Lu ‘bbajari fistusu di li cani, si perdi ‘nto silenziu ammuttutu, oramai li petri scurdati di la genti chi un tempu si sittò e quadiò! Mi scordu di peni e vaji, mi scordu di l’ affanni e miserii, campu cu la cuntintizza chi china di suspiri si ‘rriposa o’ bisolu di ‘na casa furtunata. Mi scordu cca a Mirtu, di cuntrullari lu decurriri di lu tempu, ‘nto mumentu di dilettu chi trova risettu ‘nto godimentu a la luci di ‘nu viviri semplici e chiaru, o’ funnu di l’ arma murtali ‘ccumpagnata di li gioii e di li dogghi. Eccu, ‘na jurnata di stati ‘nto paisi ‘n cullina, virdi naca di ciuri e frutt…