sabato 22 agosto 2015

'NA JURNATA DI STATI

In ammirazioni di un jornu caudu, vidu arvuli tinciuti di suli, fogghi cuncatinati sutta a l’occhiu di lu celu e sentu 'i mani di la luci chi ‘ccarizzunu ‘sta peddi fina.
Lu culuri di ‘stu tettu rutunnulu, eni vivu, sgargianti, ci vidu picca negghi e ali niuri vulanti, mentri lu ciauru ‘nta l’aria si cunfunni cu la vita di tutti li jiorna, ‘ntantu iò spalancu la porta chi mi porta a vigghiari.
Lu ‘bbajari fistusu di li cani, si perdi ‘nto silenziu ammuttutu, oramai li petri scurdati di la genti chi un tempu si sittò e quadiò!
Mi scordu di peni e vaji, mi scordu di l’ affanni e miserii, campu cu la cuntintizza chi china di suspiri si ‘rriposa o’ bisolu di ‘na casa furtunata.
Mi scordu cca a Mirtu, di cuntrullari lu decurriri di lu tempu, ‘nto mumentu di dilettu chi trova risettu ‘nto godimentu a la luci di ‘nu viviri semplici e chiaru, o’ funnu di l’ arma murtali ‘ccumpagnata di li gioii e di li dogghi.
Eccu, ‘na jurnata di stati ‘nto paisi ‘n cullina, virdi naca di ciuri e frutti di la terra, a guardia di la me vita!

Rita Vieni

UN GIORNO D’ESTATE

Gli alberi in questa giornata assonnata guardano al cielo mentre l'aria intorno accarezza lieve la pelle tiepida al nuovo giorno.
L’azzurro del cielo solcato da nuvole e ali, invita all’agire.
L'abbaiare festoso dei cani, si perde nelle strade percorse da nessun viandante, solitarie osservano i sassi e il ricordo d’orme.
Sorrido nell'allegria del cuore e il cielo partecipa sornione, le nubi di un giorno luminoso in riposo, mi osservano e il loro tacere induce sospiri.
Nel silenzio di uno spazio limitato, quasi magico, ah qual dolce riposo, le ombre accanto, nei chiari scuri dell’animo!
Alzo gli occhi, scruto il vestito del cielo: ecco la luce nel mio giorno d’estate!

Rita Vieni




Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...