Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da ottobre 3, 2014

DULURI (DOLORE)

Ci sunnu minuti di li tanti jiorna chi scurrunu ‘nto nostru caminu chi subisciunu dulura: non resta chi chiudiri a la luci e apriri a lu scuru!
A li occhi e a la menti nun resta chi ‘nu cumandamentu: diri chi si è filici mentri si cianci, taliari lu sentiri e subiri senza ciatari, aspittannu chi scurrunu i mumenti, li uri, li jiorna, pi farni poi sulu amari ricordi.
Quannu iddi si fannu luntani, però si ‘vvicinunu tra li pinzeri ( e puru spissu), li lacrimi si ‘ffacciunu ‘nte cigghia, parissi chi ‘sta condizioni ni faci addivintari ‘ranni, ni matura, dipenni da pirsuna a pirsuna, naturalmenti, i sintimenti crisciunu ‘nto so duluri finu chi si sturdisciunu, diventunu vuci.
Divintamu vittimi, ni pigghiamu puru li atteggiamenti, sia mentri ni semu ‘mpasturati chi mentri li ricurdamu e ascutamu li tanti genti chi vucianu pi cunsulari, o pi tantu pi parlari, mentri ‘nta vucca ni ‘cchianunu risposti nun ditti chi diventunu amari comu la feli.
Si dici: “Basta, nun ni vogghiu parlari chiù”, ment…