venerdì 28 marzo 2014

SENSAZIONI

Il nuovo giorno mi trova assorta nella contemplazione del silenzio, nell’ascolto della mia anima, che inquieta posa sui perché accatastati in un angolo all’ombra.
Li metto in evidenza in modo che la luce li sfiori e il fuoco li avvampi.
 Solo cenere di essi  gettati  via senza più ritorno.

Rita Vieni


Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.


LA MEMORIA

La memoria è la nostra forza.
E’ un vestito indossato troppe volte, rattoppato e poi dismesso.
Perderla… E’ un rimanere nudi con se stessi, spauriti dinanzi ad un buco nero tendente ad inghiottirci.
Ho paura di entrarci, di avere occhi e orecchie ben aperte e vedere e sentire solo il nero dell’assoluto buio silente!

Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.

 — pressoMirto, Museo del Costume e della Moda Siciliana. Situato nel palazzo Cupane, nell’omonima via, il museo conserva abiti storici della tradizione siciliana.


MODO DI DIRE

Santu, riccu e vecchiu, cu 'na bona furtuna, chistu speru ti cuncedi lu Signuri!

Che il Signore possa concederti di vivere in grazia di Dio, in ricchezza e vivere la tua giovinezza!

Rita Vieni


 — presso Mirto,Chiesa di S.Maria del Gesù. Costruita nel XVI secolo, conserva una statua marmorea raffigurante la Madonna con bambino, attribuita a Giuseppe Gagini.

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.



PAGINI

‘Nta ‘na sulitaria stanza ‘nto silenzio , attraversu ‘na finestra chi s’ affaccia o’ cielu, taliu ‘ncantata, di ‘na nuvula, lu caminu ‘nto cielu niuru e cupu.
Traspurtata, pigghia formi strani, finu a chi si ‘nccodda a nautra.
‘Ntantu penzu a li staciuni, a chista e a chiddi chi dopu venunu, mentri lu giru di lu munnu curri eternu.
Gira e gira e cu iddu venunu appressu li viti e l ’esistenza di tanti cristiani cu li tanti pinseri tristi e giuiusi.
Mentri taliu e penzu, lu tempu scurri, i minuti fannu largu a li uri e ‘n’ autra pagina di lu me vissutu la scrivu ‘nto fogghiu biancu di lu diariu di la vita.

Il tempo inesorabile scorre, nella sua corsa si trascina le esistenze dei tanti che vivono in un quotidiano di gioie e dolori.
Io scrivo intanto, pagine della mia vita.

Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.



Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...