sabato 1 novembre 2014

LA VIRITA' E LU SUSPETTU (LA VERITA' E IL SOSPETTO)

Un jornu la virità ci dissi o' suspettu:- " Amicu me beddu, picchì tutti li voti la me raggiuni nun veni ricanusciuta di l'omini? Sugnu scarculata, rifiutata e puru cunnannata, tu inveci  triunfi spissu e mi fai dannu”.
Ci rispusi lu suspettu :-" Amica me bedda, nun lu sai che l'omini sunnu tinti e minzugneri, nun tutti ma la maggiorparti, cu facilità e senza duluri, 'mbronghiunu puru e Santi . Pi chistu ti dicu, strinci i denti e lotta sempri".

L'eterno contrasto tra la verità e il sospetto, la menzogna.


Rita vieni.


Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni




Foto web

Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...