Passa ai contenuti principali

DULURI (DOLORE)



Ci sunnu minuti di li tanti jiorna chi scurrunu ‘nto nostru caminu chi subisciunu dulura: non resta chi chiudiri a la luci e apriri a lu scuru!
A li occhi e a la menti nun resta chi ‘nu cumandamentu: diri chi si è filici mentri si cianci, taliari lu sentiri e subiri senza ciatari, aspittannu chi scurrunu i mumenti, li uri, li jiorna, pi farni poi sulu amari ricordi.
Quannu iddi si fannu luntani, però si ‘vvicinunu tra li pinzeri ( e puru spissu), li lacrimi si ‘ffacciunu ‘nte cigghia, parissi chi ‘sta condizioni ni faci addivintari ‘ranni, ni matura, dipenni da pirsuna a pirsuna, naturalmenti, i sintimenti crisciunu ‘nto so duluri finu chi si sturdisciunu, diventunu vuci.
Divintamu vittimi, ni pigghiamu puru li atteggiamenti, sia mentri ni semu ‘mpasturati chi mentri li ricurdamu e ascutamu li tanti genti chi vucianu pi cunsulari, o pi tantu pi parlari, mentri ‘nta vucca ni ‘cchianunu risposti nun ditti chi diventunu amari comu la feli.
Si dici: “Basta, nun ni vogghiu parlari chiù”, mentri si cunta tuttu lu cuntu a lu vicinu, a lu amicu, a chiddu chi si vidi vicinu ‘nto malutempu.
“Picchì nun aiu a parlari, forsi tuttu ‘stu diri mi pori aiutari”, la vuci di la cuscienza di lu funnu di la menti ‘ntervieni e sintenzia!
E allura si scatinunu li paroli, puru quannu suli ‘nta ‘na sulitaria stanza si eni ‘ssittati: iddi ribbumbunu puru dintra a li mura!
E forsi finalmenti la paci!
E forsi finalmenti lu duluri dulurusu finisci pi ‘bbannunari lu ‘nfili cunnannatu!
Dopu chi si passa lu strittu passaggiu di lu turmentu, la raggiuni senti raggiuni e ‘n paci lassa l’ anima marturiata! (Spezzarsi è il passo della ragione)!

Rita Vieni

DOLORE

Ci sono dei momenti ove il sentire subisce il manifestarsi di un’emozione passiva, refrattaria, ci si nasconde agli occhi introspettivi della ragione e in versi si sublima un dolore infinito.
Agli occhi del cuore e della mente: antitesi al cospetto di una sinestesia vestita di sinestesi, dichiararsi velandosi, cercare un manifestarsi dolce alla sofferenza, al connubio del ricordo.
Quando i ricordi si intristiscono, il pianto affoga, “Dolce naufragare in questo mare di dolore”, vacuo il soggettivo e il riflessivo al climax discendente di una prosopopea dolorosa della tristezza.
Il cleuasmo personifica l’identità, ascoltandosi alla cacofonia della selva intricata di ramificazioni protese al non vedere e sentire attraverso l’acido gusto della bile.
La preterizione non vuole dichiarare, ma tacere non è obbligo è dovere di chi attraverso sé, trasporta emozioni sulla scia di un’accumulazione, annominazioni e paradossi.
Il verbo al dolore apre, in una canzone privata, in un canto melodioso doloroso, all’animo silente cieco e assordato dalla rabbia: quando il silenzio tacerà l’anima vibrerà nella sua immensità.
Ed è allora che nell’accumulazione decrescente il fiato si affievolirà sino a diventare sordo.
Cieco ed errante per le vie della disperazione, toccando al tatto ruvide pareti introspettive acute e infiammate, dalle corde tese e rigide.
Spezzarsi è il passo della ragione!

Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni


Post popolari in questo blog

E' NATALE

E' Natale quando hai la pace nel cuore. E' Natale quando ami di cuore. E' Natale quando preghi per l’umanità intrisa d’orrori: che vi sia la pace in tutti i cuori! E’ Natale nel ricordo di chi non è più su questa terra, ma l’immagine conserva il posto in una tavola imbandita. E' Natale se hai la gioia di vivere e sperare nel futuro per chi ti sta accanto, per chi nasce al mondo senza incanto! E' Natale quando ancora ti emozioni nel sentire recitare figli, nipoti: la famosa letterina, tramandata negli anni, ogni anno e la cantilena sorridente in attesa del bacio! Sarà presto Natale e lo auguro a tutti uguale in gioia, serenità e salute!

Rita Vieni

Il buio dentro la luce

Osservo in questo, il colore luminoso e il soffio di vita che si sprigionano nel quotidiano di ognuno. Ognuno con la sua ombra, chiaroscuro d'essenza, con la gabbia e con il desiderio di grandi ali pennute magnifiche, con arti ad artigliare il mondo per spiccare un volo incontrastato. Che sia un lungo incipit, un intreccio carismatico, un flusso coscienzioso, una abbinamento con il monocromatico, una coesistenza con anacenosi in duetto con l'epifonema. L'epilogo, un lungo idillio nel breve corso naturale!

La mia vita addossata sulle spalle preme fuori da sé per scoprirsi gli occhi inebriati dai colori vivi e smorti. Accarezza le ombre, parla agli echi ma si solidifica quando scorge il se che raffredda il tono ballerino che arresta la corsa a perdifiato. Infine il buio dopo aver bevuto la luce!


Rita Vieni



A PIEDI NUDI

Respiro lungo la strada del giorno, osservo il mio alito, conto i giorni andati, accarezzo il futuro lieta nella dimensione astratta e infiocchettata, impossibile individuarne le sorprese.
Ai doni, alle rinunce, alla scoperta del dopo mi accodo.
Però ho timore dell'aria inquinata, ho timore della cascata contaminata, ho dubbi e paure agli incroci vitali!
Indugio su un fiore, il colore è inganno, l'odore mi oblia, l'occhio duole.
Proseguo lungo la strada del giorno che conduce e qui incomincio ad afferrare che è delimitata dai timori, dall'aria inquinata, dalla cascata contaminata dei riflessi pensieri, compagni di stanza, non più al quando, ma continui e celati alla mente e all'occhio.
Ed è nel proseguo che costante e benevolo e capriccioso e odierno che prendo per mano i miei cari, stretti nella ferrea presa e a piedi nudi respiro.

Rita Vieni