Passa ai contenuti principali

DULURI (DOLORE)



Ci sunnu minuti di li tanti jiorna chi scurrunu ‘nto nostru caminu chi subisciunu dulura: non resta chi chiudiri a la luci e apriri a lu scuru!
A li occhi e a la menti nun resta chi ‘nu cumandamentu: diri chi si è filici mentri si cianci, taliari lu sentiri e subiri senza ciatari, aspittannu chi scurrunu i mumenti, li uri, li jiorna, pi farni poi sulu amari ricordi.
Quannu iddi si fannu luntani, però si ‘vvicinunu tra li pinzeri ( e puru spissu), li lacrimi si ‘ffacciunu ‘nte cigghia, parissi chi ‘sta condizioni ni faci addivintari ‘ranni, ni matura, dipenni da pirsuna a pirsuna, naturalmenti, i sintimenti crisciunu ‘nto so duluri finu chi si sturdisciunu, diventunu vuci.
Divintamu vittimi, ni pigghiamu puru li atteggiamenti, sia mentri ni semu ‘mpasturati chi mentri li ricurdamu e ascutamu li tanti genti chi vucianu pi cunsulari, o pi tantu pi parlari, mentri ‘nta vucca ni ‘cchianunu risposti nun ditti chi diventunu amari comu la feli.
Si dici: “Basta, nun ni vogghiu parlari chiù”, mentri si cunta tuttu lu cuntu a lu vicinu, a lu amicu, a chiddu chi si vidi vicinu ‘nto malutempu.
“Picchì nun aiu a parlari, forsi tuttu ‘stu diri mi pori aiutari”, la vuci di la cuscienza di lu funnu di la menti ‘ntervieni e sintenzia!
E allura si scatinunu li paroli, puru quannu suli ‘nta ‘na sulitaria stanza si eni ‘ssittati: iddi ribbumbunu puru dintra a li mura!
E forsi finalmenti la paci!
E forsi finalmenti lu duluri dulurusu finisci pi ‘bbannunari lu ‘nfili cunnannatu!
Dopu chi si passa lu strittu passaggiu di lu turmentu, la raggiuni senti raggiuni e ‘n paci lassa l’ anima marturiata! (Spezzarsi è il passo della ragione)!

Rita Vieni

DOLORE

Ci sono dei momenti ove il sentire subisce il manifestarsi di un’emozione passiva, refrattaria, ci si nasconde agli occhi introspettivi della ragione e in versi si sublima un dolore infinito.
Agli occhi del cuore e della mente: antitesi al cospetto di una sinestesia vestita di sinestesi, dichiararsi velandosi, cercare un manifestarsi dolce alla sofferenza, al connubio del ricordo.
Quando i ricordi si intristiscono, il pianto affoga, “Dolce naufragare in questo mare di dolore”, vacuo il soggettivo e il riflessivo al climax discendente di una prosopopea dolorosa della tristezza.
Il cleuasmo personifica l’identità, ascoltandosi alla cacofonia della selva intricata di ramificazioni protese al non vedere e sentire attraverso l’acido gusto della bile.
La preterizione non vuole dichiarare, ma tacere non è obbligo è dovere di chi attraverso sé, trasporta emozioni sulla scia di un’accumulazione, annominazioni e paradossi.
Il verbo al dolore apre, in una canzone privata, in un canto melodioso doloroso, all’animo silente cieco e assordato dalla rabbia: quando il silenzio tacerà l’anima vibrerà nella sua immensità.
Ed è allora che nell’accumulazione decrescente il fiato si affievolirà sino a diventare sordo.
Cieco ed errante per le vie della disperazione, toccando al tatto ruvide pareti introspettive acute e infiammate, dalle corde tese e rigide.
Spezzarsi è il passo della ragione!

Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni


Post popolari in questo blog

Memorie

Non esiste il silenzio, parole mute scorrono dentro un sentimento mai sedato, dentro un cuore appagato, dentro pareti assenti in un tetto ove il cielo è la quiete che rasserena. Dimoro a lungo nel breve intervallo che separa il presente dal passato, dimoro brevemente in luoghi ove il respiro si bagna di libertà e gioia, si ubriaca del leggero alito caldo, del leggero battito di ciglia al tocco tenero di un raggio vagabondo in un dì magnifico. Leggera, senza legami a frenare il volo, spazio su per il mondo, in una fetta di terra senza fondo. Non cado, non cammino, non atterro, contemplo l’animo rinvigorito dal lungo cammino. Ah quanto respiro e quanti rumori ho assorbito! Ah quante voci ho inghiottito, quante mani ho udito, sapienti nella giustizia di un vivere giusto!  Raccolgo nel cesto dei ricordi ogni memoria memore di colori, ora monocromatici, ora orfani, li ripiego, li custodisco in bauli arrugginiti dal tempo che impietoso vaga senza sosta. Sosto e bevo, sosto e mi sazio ancora affama…

E' NATALE

E' Natale quando hai la pace nel cuore. E' Natale quando ami di cuore. E' Natale quando preghi per l’umanità intrisa d’orrori: che vi sia la pace in tutti i cuori! E’ Natale nel ricordo di chi non è più su questa terra, ma l’immagine conserva il posto in una tavola imbandita. E' Natale se hai la gioia di vivere e sperare nel futuro per chi ti sta accanto, per chi nasce al mondo senza incanto! E' Natale quando ancora ti emozioni nel sentire recitare figli, nipoti: la famosa letterina, tramandata negli anni, ogni anno e la cantilena sorridente in attesa del bacio! Sarà presto Natale e lo auguro a tutti uguale in gioia, serenità e salute!

Rita Vieni

Amicizia

Una nuvola pigra e leggera si avvia lentamente verso limiti direzionati dal leggero venticello primaverile. L’aria tersa, il mare infinito, il cielo sereno, rappresentano uno scenario che appaga e fa sospirare dentro la sfera che ossigena i pensieri vagabondi. Due viandanti eseguono di rito i soliti passi calmi in un ordinato tragitto oggetto di meraviglia e sicurezza. Le loro menti comunicano al pari delle voci, i suoni si incontrano lieti e meravigliati nello scorrere ordinato del tempo nel tempo che esse si concedono ogni giorno alla medesima ora. I cuori corrono verso le emozioni suscitate dalla cristallina mattina, le onomatopee si avvicendano tra loro, ora in duetti sbarazzini, ora in voli senza paure, ora ai rintocchi scanditi che attraversano paesi e approdano ad orecchie vispe e attente. Tutto, tutto conduce ad una trama che scalpita, ha voglia di scoprirsi e scoprire, ha la mano tesa e il piede in fondo alla strada dal terreno macchiato da ruote che corrono verso traguardi di ogn…