venerdì 3 ottobre 2014

DULURI (DOLORE)



Ci sunnu minuti di li tanti jiorna chi scurrunu ‘nto nostru caminu chi subisciunu dulura: non resta chi chiudiri a la luci e apriri a lu scuru!
A li occhi e a la menti nun resta chi ‘nu cumandamentu: diri chi si è filici mentri si cianci, taliari lu sentiri e subiri senza ciatari, aspittannu chi scurrunu i mumenti, li uri, li jiorna, pi farni poi sulu amari ricordi.
Quannu iddi si fannu luntani, però si ‘vvicinunu tra li pinzeri ( e puru spissu), li lacrimi si ‘ffacciunu ‘nte cigghia, parissi chi ‘sta condizioni ni faci addivintari ‘ranni, ni matura, dipenni da pirsuna a pirsuna, naturalmenti, i sintimenti crisciunu ‘nto so duluri finu chi si sturdisciunu, diventunu vuci.
Divintamu vittimi, ni pigghiamu puru li atteggiamenti, sia mentri ni semu ‘mpasturati chi mentri li ricurdamu e ascutamu li tanti genti chi vucianu pi cunsulari, o pi tantu pi parlari, mentri ‘nta vucca ni ‘cchianunu risposti nun ditti chi diventunu amari comu la feli.
Si dici: “Basta, nun ni vogghiu parlari chiù”, mentri si cunta tuttu lu cuntu a lu vicinu, a lu amicu, a chiddu chi si vidi vicinu ‘nto malutempu.
“Picchì nun aiu a parlari, forsi tuttu ‘stu diri mi pori aiutari”, la vuci di la cuscienza di lu funnu di la menti ‘ntervieni e sintenzia!
E allura si scatinunu li paroli, puru quannu suli ‘nta ‘na sulitaria stanza si eni ‘ssittati: iddi ribbumbunu puru dintra a li mura!
E forsi finalmenti la paci!
E forsi finalmenti lu duluri dulurusu finisci pi ‘bbannunari lu ‘nfili cunnannatu!
Dopu chi si passa lu strittu passaggiu di lu turmentu, la raggiuni senti raggiuni e ‘n paci lassa l’ anima marturiata! (Spezzarsi è il passo della ragione)!

Rita Vieni

DOLORE

Ci sono dei momenti ove il sentire subisce il manifestarsi di un’emozione passiva, refrattaria, ci si nasconde agli occhi introspettivi della ragione e in versi si sublima un dolore infinito.
Agli occhi del cuore e della mente: antitesi al cospetto di una sinestesia vestita di sinestesi, dichiararsi velandosi, cercare un manifestarsi dolce alla sofferenza, al connubio del ricordo.
Quando i ricordi si intristiscono, il pianto affoga, “Dolce naufragare in questo mare di dolore”, vacuo il soggettivo e il riflessivo al climax discendente di una prosopopea dolorosa della tristezza.
Il cleuasmo personifica l’identità, ascoltandosi alla cacofonia della selva intricata di ramificazioni protese al non vedere e sentire attraverso l’acido gusto della bile.
La preterizione non vuole dichiarare, ma tacere non è obbligo è dovere di chi attraverso sé, trasporta emozioni sulla scia di un’accumulazione, annominazioni e paradossi.
Il verbo al dolore apre, in una canzone privata, in un canto melodioso doloroso, all’animo silente cieco e assordato dalla rabbia: quando il silenzio tacerà l’anima vibrerà nella sua immensità.
Ed è allora che nell’accumulazione decrescente il fiato si affievolirà sino a diventare sordo.
Cieco ed errante per le vie della disperazione, toccando al tatto ruvide pareti introspettive acute e infiammate, dalle corde tese e rigide.
Spezzarsi è il passo della ragione!

Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni


Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...