sabato 18 ottobre 2014

ASCUTU (Con traduzione in italiano)

E ascutu tanti paroli vacanti di sustanza, ditti accussì, tantu pi dari ciatu a la vucca: cu’ li dici nun talia ‘nta facci.
E ascutu tuttu ‘stu vuciari senza centru: ‘nu munnu di fumu!
E ascutu cu ‘na maschira chi ridi:  ‘ntantu mi dispiaciu pi cu’ faci l’azioni, cunvinti sunnu di lu loru statu.
Piccatu chi aiu a scutari tutti ‘sti pecuruna sparlanti: lu munnu, ahimè, eni chinu di pecuri niuri!


Ed ascolto echi d’infinito avvolgermi al ritorno del niente ricomposto alle bocche che deridono senza appello nei volti, volti al mestiere che d’esistenza in sé intero esistere.
Ed ascolto respingendo l’assalto al non assolo cacofonico di un dire maligno e malizioso al contenzioso impettito di boria e veleno.
Ed ascolto silente sorridente alla pena e alla consapevolezza della piccolezza di chi mente alla  mente, alla speranza di un convincimento che convince in primis chi annuncia.
Ed ascolto un dire sconvolto da adepti sempre più numerosi!

Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni





Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...