giovedì 18 settembre 2014

CHE IL CAMMINO SIA SEMPRE CON NOI



Durante il corso della vita si ha modo di assaporare varie sensazioni: bagnarsi al sole d’estate, asciugarsi al mare in quiete, quieti e ristorati dalla felicità, reale o presunta, assaggiare o spalmarsi dolori, negatività inquietudini, effimeri sentimenti al freddo d’un camino acceso.
Le vittorie e le gioie, le sperante e le attese ritrovate, così come la sconfitte e le delusioni, ci sorreggono o si rompono in pezzi cedendo con un tonfo importante.
Ma è al dopo, al poi che ci rivolgiamo sospinti dalla volontà e dall’agire riflessivo e ben nutrito.
Un’azione in sé attiva, prepotente e propositiva, il poi che ci spinge nel rinnovarci e proseguire.
Che il cammino sia sempre in noi, meta, fine e traguardo!
Rita Vieni




Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...