domenica 14 settembre 2014

BUONGIORNO

Ho aperto gli occhi alla tenue luce di un mattino di settembre e subito il mio pensiero si è posato leggero, come ali di farfalla sulla fonte di gioia, al cielo sgombro dalle nere nuvole.
La pioggia della notte ha rinfrescato l’aria, intorno tutto è diverso nell’abituale luogo.
Niente trilli allegri e canterini, nessun volo d’api sulla scia della via che conduce al verde respiro di un giardino in fiore, l’aria è tersa e solitaria.
Ma nessun silenzio interrompe il luogo, il rumore urbano consueto e benvenuto s’interpone a solitarie riflessioni, son felice e grata alla consapevolezza ancora d’esserci vitale a benedire la carezza della vita sul viso, a riscaldarmi le ossa con il tocco dei raggi sul corpo, anche se interrotti da qualche spaurita nuvola di passaggio.
Energia e sorriso a tenermi compagnia 
Metto fine al momento, interrompo il godimento, ascoltare senza subire è scelta che motiva, il movimento è obbligo, la solita routine di un giorno appena agli inizi, mi sollecita e intanto penso guardandomi intorno, alla meraviglia del mio cielo.
Ancora una volta, BUONGIORNO a voi, in letizia e movimento, per un altro dì in sentimento senza rallentamento e turbamento.
Orsù che inizi la giornata, dopo la pausa con un buon caffè!

Rita Vieni




Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...