domenica 24 agosto 2014

RICORDI

Odo il mare, una voce tra i profumi in respiri alati e i gabbiani al volo di  richiamo.
Profumo di salsedine, odore salmastro, la vita che si culla.
In ore che si scambiano sentimenti, tra  giochi di luce e ombre, giunge un crepuscolo sereno: ed è la mia sera serena!

I toni si placano, le voci si quietano, i sospiri si gettano nel nero della notte, alle stelle, ai desideri il dire silente è monologo!
NEI RICORDI QUESTO MIO SCORCIO.

Rita Vieni

Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...