sabato 28 giugno 2014

NELL'ORA DI CALMA E DI PACE


Il mattino specchia se stesso nei raggi luminosi di un giorno di giugno, il caldo ovunque, nell’erba secca,
 nella terra assetata, nei fiori spauriti scampati all’incuria: il luogo si presenta provato dall’inverno fuggito.
Disseto le zolle e spalanco la vita, nelle radici cresce e irrobustisce il fusto, dalle fronde le foglie sorridono agli uccelli, ovunque il cinguettio canterino, il ronzio poco gradito, la paura delle punture, di api viaggiatrici.
Le formiche in fila, sempre impavide lavoratrici, accumulano cibo beffando la cicala.
Nell’ora di calma e di pace, il mio pensiero si svaga, si nutre del profumo, s’inorgoglisce alla vista, si conforta per l’attesa, si rattrista alla mancanza di verde nel secco ormai concime.
Nell’ora di calma e pace, il mio pensiero già stanco rallenta, il corpo dalla fatica soddisfa le membra e riposa al fresco di fronde verdi che alitano la pelle arsa dal sole: il soddisfatto sorriso albeggia su un viso e corpo pallido, la pelle ringrazia.
Bevo dal bicchiere colmo!
Ah la frescura che m’inonda! Ah il silenzio del luogo, invita!
Alzo occhi indagatori, affino l’udito, mi preparo ai colori, al fresco odore, al pulito benessere di chi agisce nel silenzio dei giusti.
In quest’ora di calma e di pace, il pensiero si nasconde tra gli spazi azzurri d’un cielo stanco: è ora di stelle, ecco son lì! Ecco, lì in attesa aspettano i miei desideri!
Ora chiudo al mondo reale, il sogno, il desio, in attesa pazienti, aspettano come sempre me per il volo colorato, quasi tangibile, dissetarmi è energia, è felicità anche se nel volo di ritorno la realtà plana sul terreno duro, lo scossone inevitabile, ma intanto il giorno è trascorso, la vita di attimi ha raccolto e unito indimenticabile giorno, fermato nel colore di uno scatto a memoria.
Nel tempo ancora sarà sì un ricordo, ma il conforto e l’istante non scordato ricordato grato nel giro di ritorno.

Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.





Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...