giovedì 1 maggio 2014

ECHI DEL TEMPO

La luce indaga, l’occhio sonda, perfora il colore, le gesta e l’abbandono.
Nutrimento in sé di sorrisi e calore che abbandonati in visi perduti, s’affacciano e chiamano.
La luce adesso ha interrotto se stessa, paga della scoperta.
Il ricordo meraviglioso e intenso è la luce affiorata, la gioia interiore che saltella nell’abbandono
coscienzioso della memoria.
I ricordi rivivono, le voci e gli sguardi echi del tempo.

Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.





Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...