giovedì 20 marzo 2014

UN NUOVO GIORNO

In un non offuscato splendore di speranza rinata, volgo l’agire in capienza d’intenti.
Ed eccomi abbagliata dal caldo sole di un giorno di marzo con un cielo privo di nuvole.
 A spasso, percorro sentieri, il silenzio rotto dai rumori della natura che rendono i momenti grati mentre gli
occhi si cibano e imprimono un giorno, in un paesino siciliano Mirto, in una serie di scatti a memoria del suo passaggio nel tempo.
Ora rivedo antichi luoghi, ora rivedo me, esile e fanciulla, sorridere e avviarmi per un appuntamento che ancora oggi si presenta puntuale.
Ora m’avvio e continuo nei ricordi, intanto che la vita si accompagna cingendomi la spalla.
Un nuovo giorno da chiudere nel cassetto e riviverlo in momenti che odori e luce mi faranno ricordare.

Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.





Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...