venerdì 28 marzo 2014

SENSAZIONI

Il nuovo giorno mi trova assorta nella contemplazione del silenzio, nell’ascolto della mia anima, che inquieta posa sui perché accatastati in un angolo all’ombra.
Li metto in evidenza in modo che la luce li sfiori e il fuoco li avvampi.
 Solo cenere di essi  gettati  via senza più ritorno.

Rita Vieni


Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.


CU’ SUGNU

Sugnu forsi cu’ furriannu cerca se stissa, o forsi cu’ ‘nqueta   cerca postu o’ munnu? Iò nun sacciu cu’ sugnu e chi vogghiu, ...