lunedì 17 marzo 2014

SCORRONO I GIORNI

Nei giorni che scorrono avvertiamo come un istinto di preservazione , una spinta a non concederci, a non farci attraversare da altrui emozioni, un corazzarsi di fronte all’ovvietà o casualità di un andante che tocca ognuno di noi.
 Uno schermo, una barriera, erigerli e appoggiarci interamente.
Non lasciare che lo squallore e l’ipocrisia ci tocchi e contamini.
La voglia di guardare un sole abbagliante, un cielo attraversato da poche nuvole viandanti, un’aria dolce al respiro è nel diritto di tutti, ma nelle grazie di pochi.
Io desidero espormi senza timore, abbattere il muro sdraiarmi in un prato macchiato da fiori e guardare lo scorrere del tempo.
L’agire e l’assimilare come giusta conseguenza.
Che bel sogno!

Rita Vieni


  Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.



Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...