venerdì 28 marzo 2014

PAGINI

‘Nta ‘na sulitaria stanza ‘nto silenzio , attraversu ‘na finestra chi s’ affaccia o’ cielu, taliu ‘ncantata, di ‘na nuvula, lu caminu ‘nto cielu niuru e cupu.
Traspurtata, pigghia formi strani, finu a chi si ‘nccodda a nautra.
‘Ntantu penzu a li staciuni, a chista e a chiddi chi dopu venunu, mentri lu giru di lu munnu curri eternu.
Gira e gira e cu iddu venunu appressu li viti e l ’esistenza di tanti cristiani cu li tanti pinseri tristi e giuiusi.
Mentri taliu e penzu, lu tempu scurri, i minuti fannu largu a li uri e ‘n’ autra pagina di lu me vissutu la scrivu ‘nto fogghiu biancu di lu diariu di la vita.

Il tempo inesorabile scorre, nella sua corsa si trascina le esistenze dei tanti che vivono in un quotidiano di gioie e dolori.
Io scrivo intanto, pagine della mia vita.

Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.



Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...