martedì 11 febbraio 2014

LA VITA ('A VITA)

Uno scorrere frenetico lungo marciapiedi d'indifferenza.
Pochi squarci di colore rompono un mondo monocromatico, poche voci si uniscono al coro della solidarietà.
Avvinghiati da rami secchi che ghermiscono, ci districhiamo e fuggiamo via, alla ricerca di spazi, colori, luci.
Cerchiamo la vita, in boccioli che si aprono al sole, aspettando che gli alberi si rivestano di foglioline verdi, della vita che in primavera s’annuncia!

Rita Vieni

‘A vita

Scurri lesta ‘n menzu a li cristiani chi talianu senza vidiri!
Picca culura tinciunu ‘nu munnu unni lu iancu e lu niuru fannu di patruni!
Arburi cu li rami longhi cercunu mi ni 'fferrunu, ma comu furetti scappamu di cursa, vulemu e circamu li culura sgargianti, posti ‘ncantati e lustru.
Cercu la vita, ‘nta li ciuri chi si japrunu a lu suli, mentri li staciuni si dununu lu canciu e la primavera di la vita piggha pussessu ‘n’ autra vota di ‘stu tempu!

Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.


Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone

Una immagine visiva, un incipit descrittivo quasi a sfiorare un futuro. Presagio? Sì, infatti, l’intreccio durante l’analisi accura...